Udinese ed Hellas Verona partecipano al valzer dei portieri

Silvestri verona
Marco Silvestri (Getty Images)

Movimento di portieri in Serie A: all’Udinese il successore di Musso, Silvestri, che sarà rimpiazzato da Montipò, in arrivo dal Benevento.

Il calcio è sempre più lo sport dei portieri. Grandi atleti in grado di compiere parate spettacolari, di salvare la propria squadra con gesti felini, di guidare la difesa grazie alla loro personalità. Non solo: la costruzione dal basso ha trasformato l’estremo difensore nell’undicesimo uomo, coinvolto a tutti gli effetti nella manovra della squadra.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Non è un caso che Gigio Donnarumma sia stato eletto miglior giocatore di Euro 2020, e non è un caso che gli stipendi dei top del ruolo salgano di anno in anno: Ter Stegen, Neuer, Alisson, Courtois, Oblak, per citarne alcuni. Questa estate il calciomercato sta provando definitivamente l’importanza di affidare la sicurezza della rete ad un portiere di livello.

montipò benevento
Lorenzo Montipò (Getty Images)

Silvestri e Montipò sono stati fra i migliori portieri della stagione passata

Tanti sono stati infatti i trasferimenti che hanno avuto come protagonista un numero 1, e la Serie A è al centro di questo valzer. Dopo il passaggio di Donnarumma al PSG e il conseguente arrivo di Maignan al Milan, quello di Musso all’Atalanta che ha scatenato una vera e propria caccia a Gollini e infine l’acquisto di Rui Patricio da parte della Roma, diventano ufficiali altri due trasferimenti.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, focolaio Covid: i positivi diventano addirittura dieci

L’Udinese ha trovato il sostituto del portiere argentino (Musso, appunto), che sarà Silvestri, reduce da un’ottima annata fra i pali dell’Hellas Verona. Questi ultimi non restano a “mani vuote”, in quanto hanno individuato in Montipò (in arrivo dal Benevento) il successore di Silvestri. Entrambi i portieri sono attesi dalle rispettive nuove società per le visite mediche, che sanciranno definitivamente la chiusura di una “girandola”, per usare parole di Gianluca Di Marzio, che ha pochi precedenti nella storia del campionato.