Atalanta, uno striscione avverte la società: “Non dovete sbagliare”

antonio percassi
Antonio Percassi, presidente dell'Atalanta (Getty Images)

Compare uno striscione polemico rivolto alla proprietà dell’Atalanta, fuori dalle porte del centro sportivo di Zingonia.

Ci sono guai in paradiso. Capita ogni tanto che anche uno dei migliori esempi di gestione societaria dell’intero panorama italiano (e forse europeo), almeno per quel che concerne il calcio, debba affrontare critiche e polemiche.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Accade oggi all’Atalanta, ed in particolare alla proprietà, ovvero la famiglia Percassi, che ha trovato una sorpresa fuori dai cancelli del centro sportivo di Zingonia, dove la squadra sta seguendo la preparazione pre campionato. Uno striscione appeso ai cancelli di ingresso recita: “Abbonamenti, amichevoli, mercato. Percassi non sbagliare, c’è una città da rispettare”. Da notare come le due “s” di Percassi siano state disegnate utilizzando il simbolo del Dollaro.

juan musso
Juan Musso, unico vero acquisto dell’Atalanta (Getty Images)

Il mercato dell’Atalanta per ora è stato più attivo in uscita

Tutto chiaro ma non chiarissimo. In primo luogo non è esplicitato direttamente il motivo che ha spinto alla protesta “ANIMAL KINGDOM”, il gruppo organizzato della tifoseria bergamasca che ha firmato il messaggio. Speculazioni e supposizioni portano a credere che la polemica sia legata in qualche modo alla campagna abbonamenti 2019-20, e in particolare alla mancanza di rimborsi per chi aveva sottoscritto l’abbonamento senza poterne usufruire nella seconda metà di stagione, causa lockdown.

LEGGI ANCHE >>> Roma, Mourinho ha scelto il centravanti: avviati i contatti

Un’altra idea prende in considerazione il fatto che i test estivi siano stati organizzati a porte chiuse. C’è chi pensa addirittura che il motivo dello sfogo sia la campagna acquisti, che finora ha visto la partenza di una bandiera come Gollini, mentre Romero, Ilicic ed altri sono sotto l’occhio attento di varie squadre. Di contro, è arrivato il solo Musso. Piccola crisi dunque in casa Atalanta, che probabilmente non distoglierà i nerazzurri dalla preparazione dell’ennesima stagione da giocare ad alti livelli su tre fronti, in Serie A, in Champions League ed in Coppa Italia.