Il nuovo trequartista del Milan può essere un panchinaro

Maldini osserva
Paolo Maldini (Getty Images)

Il Milan pensa a Brandt come sostituto di Calhanoglu. Il Dortmund non chiude alla cessione: si ragiona sulla formula del trasferimento.

Il Milan sfoglia la margherita per individuare il sostituto di Hakan Calhanoglu. Il nome nuovo, emerso nelle ultime ore, è quello di Julian Brandt del Borussia Dortmund. Il 25enne, escluso dalla rosa della Germania che ha disputato gli Europei, è reduce da una stagione deludente: in 31 partite di campionato ha segnato soltanto 3 gol e servito 2 assist, finendo spesso fuori dall’undici titolare. Poco anche lo spazio ricevuto in Champions League. Il neo allenatore Marco Rose è intenzionato a concedergli una nuova chance ma non si opporrà ad una sua cessione.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Brandt in campo
Julian Brandt (Getty Images)

Milan, si pensa a Brandt come sostituto di Calhanoglu

Paolo Maldini e Frederic Massara lo stanno seguendo con interesse, visto che si tratta di un giocatore dall’alto tasso tecnico in grado di ricoprire diversi ruoli in attacco. Per lasciarlo andare il club tedesco chiede almeno 25 milioni di euro. I contatti proseguiranno, con la fumata bianca che potrebbe arrivare sulla base del prestito oneroso con diritto di riscatto. Su Brandt ci sono pure la Lazio ed il Liverpool.

LEGGI ANCHE >>> Milan, arriva la formula a sorpresa per blindare il suo gioiello

Il contratto che lega il nativo di Brema al Dortmund scade nell’estate 2024. La dirigenza è conscia del valore del giocatore, ne apprezza le qualità tuttavia si attende di più da lui. A chiarirlo, attraverso un’intervista alla ‘Bild’, è stato il direttore sportivo Michael Zorc. “È un bravo ragazzo e ha un potenziale incredibile Mi aspetto però un miglioramento delle sue prestazioni”. Oltre a quello di Brandt, il Milan sta valutando anche i profili di Isco del Real Madrid, Hakim Ziyech del Chelsea, Coutinho del Barcellona, Nikola Vlasić del Cska Mosca e Josip Ilicic dell’Atalanta. Giocatori in uscita dai rispettivi club che intrigano e che piacciono alla dirigenza. Il tempo delle scelte sta arrivando.