Olimpiadi, così un preservativo ha dato un bronzo all’Australia

Jessica Fox
Jessica Fox (Getty Images)

Storia particolare che arriva dalle Olimpiadi: l’Australia vince un bronzo grazie ad una preservativo, il motivo

Non si può arrivare alla finale olimpica e rinunciarci per un problema al proprio kayak. Jessica Fox, atleta australiana, deve aver pensato a questo quando, ottenuto il pass per l’atto conclusivo dello slalom K1, ha visto che la sua imbarcazione presentava una rottura. Serve anche un pizzico di ingegno ed è quello che non è mancato alla squadra australiana. Per riparare la canoa, infatti, è stato utilizzato un preservativo, uno di quelli distribuiti all’interno del Villaggio Olimpico. E’ stata la stessa Jessica Fox, dopo aver conquistato il bronzo grazie all’improvvisata riparazione, a condividere sui propri social il video in cui mostra come è stata messa a posto il suo kayak.

Nel filmato si nota un tecnico della squadra applicare all’imbarcazione di Jessica Fox una miscela in carbonio, fissata poi proprio grazie ad un preservativo.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Jessica Fox
Jessica Fox (Getty Images)

Olimpiadi, bronzo grazie ad un preservativo: la storia di Jessica Fox

L’atleta ha mostrato le immagini della riparazione e ha commentato con simpatica: “Scommetto che non sapevate che i preservativi possono essere usati per questo. Hanno molta elasticità e sono molto forti”.

Obiettivo raggiunto con Jessica Fox che ha potuto gareggiare e conquistare la sua seconda medaglia olimpica, il bronzo, dopo aver conquistato l’oro nell’individuale C1.