Paolo Rossi, la moglie è pronta a pagare una grossa cifra a Juninho

Federica Cappelletti in posa
Federica Cappelletti (Getty Images)

La moglie di Paolo Rossi è in attesa di ricevere la maglia con cui il marito segnò 3 gol al Brasile nell’82. Il costo? 50 mila euro.

La maglia è di quelle passate alla storia. Indossandola, Paolo Rossi firmò la tripletta che consentì all’Italia il 5 luglio 1982 di battere il Brasile ed accedere alle semifinali dei Mondiale. Una vittoria divenuta storica, che molti ricorderanno anche grazie al commento di Nando Martellini (“Rossi, Rossi, Rossi”). Ora sua moglie, Federica Cappelletti, la rivorrebbe in modo tale da esporla e dare agli italiani di osservare da vicino questo cimelio.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Gravina e Cappelletti con la maglia di Rossi
Gabriele Gravina e Federica Cappelletti (Getty Images)

La moglie di Paolo Rossi in attesa della storica maglia del marito

L’unico problema è che, salvo sorprese e o ripensamenti improvvisi, le potrebbe costare circa 50 mila euro. I dettagli della trattativa con l’attuale proprietario della divisa sono stati rivelati dalla stessa Cappelletti, durante un’intervista concessa al settimanale ‘Oggi’. “Spero mi arrivi a settembre. Juninho, il giocatore che ne è in possesso, si è preso il Covid e questo ha rallentato tutto. Mi ha chiesto 50 mila euro. Non glieli ho ancora dati. Prima vorrei che mi arrivasse la maglia. Poi apriremo i musei: uno permanente, probabilmente a Vicenza, e uno itinerante, che andrà in giro in tutto il mondo”.

LEGGI ANCHE >>> Lutto terribile per il calcio italiano: è morto Paolo Rossi

La vedova di Rossi, scomparso nella notte tra mercoledì 9 e giovedì 10 dicembre 2020 a soli 64 anni a causa di un tumore ai polmoni, ha poi parlato del continuo e costante supporto ricevuto dal mondo dello sport. “Capire quanto sia amato in tutto il mondo, aiuta ad affrontare il dolore… Paolo, andandosene, si è portato via un pezzo di cuore. Devo andare avanti per me, per le bimbe, per lui: aveva tanta voglia di vivere, io lo faccio vivere vivendo e seguendo tutte le iniziative dedicate alla sua memoria”.