Bellinazzo: “Visti i conti, l’Inter non era obbligata a vendere Lukaku”

Inter, Marotta e Zhang in tribuna a San Siro
Marotta e Zhang (Getty Images)

Marco Bellinazzo, de Il Sole 24 Ore, scrive: “La cessione di Zapata non dipende da urgenze finanziarie né del club, né della proprietà”

Secondo l’esperto giornalista economico-sportivo Marco Bellinazzo de ‘Il Sole 24 Ore’, l’Inter avrebbe anche potuto evitare la cessione di Romelu Lukaku. Ecco quanto si legge sul blog ‘Calcio & Business’: “Il passaggio di Hakimi al Psg e altre piccole operazioni hanno permesso di mettere insieme fin qui un risparmio di circa 40 milioni. Per raggiungere il budget peraltro c’è la finestra di gennaio e quella estiva del 2020 (a patto di effettuare le operazioni in uscita entro il 30 giugno, in modo da poterne iscrivere i benefici a bilancio)”.

Questo il motivo per il quale Marotta ed Ausilio erano certi di centrare il saldo positivo sul mercato saldo positivo di 80/90 milioni richiesto dal club senza cedere Lukaku o Lautaro.

Bellinazzo prosegue spiegando come, la prima offerta del Chelsea sia stata rifiutata: “L’Inter che non aveva alcuna intenzione di privarsi di Lukaku, a conti fatti, l’ha rispedita al mittente. Il centravanti belga tuttavia ha fatto pesare la sua volontà di cogliere l’opportunità professionale di un ritorno in Premier con uno stipendio praticamente raddoppiato. L’Inter si è trovata così nelle condizioni di dover trattare. Ciò che va però rimarcato è che la cessione dell’attaccante non dipende, sia pure in un contesto difficile di revisione del piano strategico, da urgenze finanziarie né del club, né della proprietà”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Lukaku Inter
Romelu Lukaku (Getty Images)

Le necessità di Suning e la scelta miope di cedere Lukaku

L’obiettivo di Suning, dopo tutte le tribolazioni vissute in Cina e l’ingresso del fondo Oaktree, è quello di rendere il bilancio dell’Inter sostenibile. Questo il motivo per cui, come spiega Bellinazzo, “Il monte ingaggi (al lordo delle imposte) dagli oltre 200 milioni attuali ai 150/160 dell’era anteriore ad Antonio Conte”.

LEGGI ANCHE >>> Dopo Messi e Lukaku occhio a… Ronaldo: “E’ pronto l’assalto”

La scelta di vendere Lukaku, secondo il giornalista de Il Sole 24 Ore, “Non è altro che una decisione volta ad accelerare un percorso di riassestamento dei conti, comunque percorribile per altre vie”. Chiude Bellinazzo: “La decisione di vendere Lukaku potrebbe rivelarsi miope, soprattutto in relazione ai tempi, appaiono preponderanti rispetto ai fattori che la rendono contabilmente conveniente”.