“Servono 100 milioni”: il giallo sul bomber di Serie A si infittisce

Commisso riflette
Rocco Commisso (Getty Images)

L’Atletico Madrid prepara l’affondo per Vlahovic. La Fiorentina vorrebbe tenerlo ma il futuro dipenderà dalla volontà del giocatore. 

L’Atletico Madrid sta arrivando. La Fiorentina proverà a difendersi ma in caso di offerta “monstre” la cessione diventerà inevitabile. Sono giorni di attesa e di riflessione per Dusan Vlahovic, nel mirino dei colchoneros che pur di arrivare a lui sono pronti a mettere sul piatto oltre 70 milioni di euro. A breve avranno luogo altri incontri tra i due club ma intanto a fare il punto della situazione è stato il presidente della viola Rocco Commisso: “Al momento questo argomento è davvero difficile toccarlo – ha detto all’’Ansa’ – perché neppure io ho risposte certe”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Vlahovic festeggia
Dusan Vlahovic (Getty Images)

La Fiorentina riflette sul futuro di Vlahovic: il punto di Commisso

La Fiorentina vorrebbe tenerlo tuttavia le trattative per il rinnovo del contratto, in scadenza nel 2023, si sono arenate da ormai qualche giorno. Sulle cifre (4 milioni netti a fronte degli 800 mila attualmente percepiti) e sulla clausola rescissoria (80) l’agente della punta e la società avevano trovato l’accordo. A far saltare il tavolo è stata la richiesta avanzata dal procuratore di avere il mandato escluso per la vendita di Vlahovic il prossimo anno al prezzo concordato. Una condizione ritenuta inaccettabile da Commisso. 

LEGGI ANCHE >>> Vlahovic, il giallo si infittisce: spunta l’alternativa che fa saltare il banco

Ecco perché ora la cessione del giocatore (seguito pure dal Tottenham) appare più concreta che mai. “Se accadrà qualcosa la stampa sarà informata con trasparenza e tempestività”. Ma cosa accadrà se dovesse arriva una proposta vicina ai 100 milioni? Commisso non usa giri di parole. “Ci penserò attentamente. È inutile nasconderlo anche perché la pandemia ha causato danni economici notevoli ai club e quindi anche alla Fiorentina per cui di fronte a certe cifre non si può voltare subito le spalle”.