“Infortunio complicato”: per l’Inter la stagione non parte bene

Simone Inzaghi
Simone Inzaghi (Getty Images)

L’Inter fa i conti con un infortunio complicato: in attesa di nuovi arrivi per Inzaghi la stagione non parte nei migliori dei modi

Meno due all’inizio del campionato e per l’Inter iniziano i primi problemi. Simone Inzaghi si troverà ad affrontare il Genoa con un solo attaccante a disposizione, Edin Dzeko, oltre ai giovani come Satriano. Una situazione a cui Marotta sta cercando di rimediare andando alla ricerca di un altro bomber. Missione che potrebbe essere cambiata in corso negli ultimi giorni di mercato se le notizie su Sanchez non dovessero essere positive.

A far tremare Inzaghi e il club nerazzurro è l’assenza di miglioramenti che si sono registrati a Barcellona dove il cileno è volato per seguire il programma di recupero del professor Cougat. Un viaggio che, almeno stando a quanto dichiarato da Pablo Milad, presidente della Federcalcio cilena, non ha portato grandi benefici.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Sanchez
Sanchez (Getty Images)

Inter, Sanchez ancora fuori: rischio stop fino a settembre

Per Sanchez il rischio è quello di uno stop che vada oltre il mese di agosto e i protragga anche dopo la prima pausa per le Nazionali. E’ questo quanto affermato a ‘Adn Radio’ da Milad in merito ai prossimi impegni del Cile: “Sarà difficile poter contare su Alexis: ha un infortunio piuttosto complicato, la situazione è seria”.

LEGGI ANCHE >>> Inter, per l’esordio in campionato Inzaghi ha un grosso problema

Parole che non lasciano ben sperare sul recupero immediato dell’attaccante e che potrebbero cambiare le strategie sul mercato dell’Inter. Se finora la priorità è stata Zapata o comunque un attaccante con le sue caratteristiche, l’incertezza su Sanchez potrebbe spingere Marotta a rompere gli indugi per Correa o comunque per una seconda punta. In questo senso si inquadrano i contatti per Thuram, così come l’idea Insigne da provare a far diventare concreta gli ultimi giorni di mercato.