“Niente stemma”: lo strano motivo che deturpa la maglia in Serie A

Pallone Serie A 2022
Pallone Serie A 2022 (Getty Images)

In Serie A senza lo storico logo che rappresenta la città. E’ quanto accaduto al neopromosso Venezia che non avrebbe rispettato il regolamento della FIGC.

I più attenti avranno notato che in Serie A c’è una squadra che gioca senza il proprio logo sulla maglia. Si tratta del Venezia neopromosso nel massimo campionato. I kit da gioco del club lagunare hanno raccolto molto successo prima dell’inizio della stagione, ma nella prima giornata di Serie A hanno dovuto ricorrere a delle modifiche. La società, infatti, ha violato l’articolo 5 comma 1 del regolamento della FIGC. Come riferito da ‘Footy Headlines’,la difformità starebbe nel fatto che i lagunari avrebbero sulla maglia una doppia esposizione di logo e nome e sulle divise questo non è consentito. Il regolamento, infatti, nello specifico conferma: “Lo stemma della Società può essere apposto in forma applicata, ricamata, stampata, ecc., una sola volta sulla maglia, una sola volta sui pantaloncini, una sola volta su ciascun calzettone e una volta in ognuna delle cifre che compongono il numero apposto al centro della schiena”.

Venezia, Ceccaroni a contrasto con Lozano
Lozano a contrasto con Ceccaroni (Getty Images)

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Venezia, in Serie A senza il logo storico

Il leone dorato, dunque, viene considerato come una ripetizione della scritta ‘Venezia’ e quindi non è consentito. Come riferisce ‘Nss Sports’ sul proprio profilo social, il motivo della ripetizione del logo sarebbe da imputare ai regolamenti della Serie B.

LEGGI ANCHE >>> Tre moduli per la nuova Juventus di Allegri: novità Morata

Più nello specifico è riportato che i kit da gara di questa stagione sarebbero stati disegnati e progettati lo scorso anno ed adattati ai regolamenti del campionato cadetto. Una situazione analoga era capitata anche all’Inter di Steven Zhang in occasione del lancio della quarta maglia. In quel caso, le regole non consentivano l’uso di più di tre colori diversi.