“Vattene via”: lite al centro sportivo della Roma, c’è la reazione

mourinho roma
Josè Mourinho alla prima in Serie A da allenatore della Roma (Getty Images)

Amadou Diawara è stato protagonista di un acceso faccia a faccia con un tifoso della Roma, che a Trigoria l’ha “invitato” ad andarsene.

Sono gli ultimi giorni di calciomercato e la maggior parte delle squadre sono alle prese con le ultime operazioni, siano esse in entrata o in uscita, per sistemare l’organico o il bilancio.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

La Roma di Josè Mourinho ad esempio è intenzionata ad alleggerire la rosa a disposizione del tecnico portoghese, che ha già indicato quali giocatori non rientrano nel suo progetto tecnico. Stando alle voci di mercato c’è un giocatore, fra i giallorossi, che nonostante le numerose offerte e richieste di club interessati avrebbe rifiutato qualsiasi possibile destinazione, volenteroso di rimanere nella capitale.

Si tratta di Amadou Diawara, guineano classe ’97, ex Napoli. Il centrocampista, nonostante si alleni regolarmente con la squadra, sarebbe fuori dal progetto dell’allenatore, ma il suo apparente desiderio di non partire sta, fra le altre cose, bloccando possibili operazioni in entrata della Roma, da Zakaria a Mandragora. Una situazione che sta provocando anche rabbia fra i tifosi, non particolarmente legati al ventiquattrenne, sceso in campo 28 volte fra Serie A ed Europa League nella passata stagione, mettendo a segno una sola rete.

amadou diawara
Amadou Diawara (Getty Images)

Diawara è reduce da due stagioni con la maglia della Roma

Stando a quelli che sono i report da Trigoria, confermati dalle parole di Mourinho nel corso dell’ultima conferenza stampa, il punto di rottura è stato raggiunto e forse superato. Un tifoso giallorosso si è infatti avvicinato alla macchina che trasportava proprio Diawara, intimando al giocatore di andarsene dalla Roma. Un messaggio che il guineano non ha preso bene, tanto da scendere dalla vettura per confrontarsi direttamente con il supporter. Un litigio che non è sfociato in nulla di trascendentale anche grazie all’azione “calmante” dei presenti. Diawara è risalito sull’automobile e ha abbandonato Trigoria senza ulteriori conseguenze.

Come anticipato, Mourinho ha parlato dell’episodio in conferenza, minimizzandolo: “L’episodio con il tifoso è niente. Non è aggressività fisica, ci sono state solo delle parole che hanno provocato una piccola reazione. Non c’è niente di speciale, non è un dramma. È un giocatore della nostra rosa, c’è un gruppo di giocatori che non lavora con noi ma Diawara sta con noi”.

LEGGI ANCHE >>> Milan, il colpo in attacco è ufficiale: c’è il comunicato

Sulla permanenza del giocatore alla Roma anche dopo la chiusura del mercato non c’è però da scommettere, sempre stando alle parole dello Special One: “Il mercato è aperto, fino al 31, può succedere qualcosa, ma Diawara potrebbe anche restare con noi e in questo caso sarebbe un’opzione. È un giocatore con esperienza, qualità, un buon professionista, un uomo buono con cui abbiamo un bel rapporto. Se resterà non sarà mai un problema”.