Guardiola riapre il tormentone Cristiano con un colpo di scena

pep guardiola
Pep Guardiola, allenatore del Manchester City (Getty Images)

L’allenatore del Manchester City, Guardiola, è stato interpellato sulla questione Cristiano Ronaldo, apparentemente ad un passo dai citizens.

Ultimi giorni prima della chiusura del calciomercato, ultime ore per concludere trattative, anche quelle più clamorose. L’ultimo botto di questa pazza estate di trasferimenti potrebbe coinvolgere Cristiano Ronaldo, il quale avrebbe già svuotato il suo armadietto alla Continassa per salire su un aereo che lo porterà via da Torino.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

La direzione? Dopo tanto vociare di sottofondo, ormai sembra che CR7 sia diretto verso l’Inghilterra, verso la sua cara vecchia Manchester, anche se non quella “Red” che lo ha cresciuto, ma quella “Citizen” rivale. Le parole di Max Allegri riguardanti la questione hanno lasciato ben pochi dubbi sulla possibile partenza del portoghese.

cristiano ronaldo
Cristiano Ronaldo in azione contro l’Udinese (Getty Images)

Il Manchester City e Cristiano Ronaldo potrebbero diventare i veri rivali del PSG

Ad essere questionato su questa importantissima news di mercato è stato però anche Pep Guardiola, allenatore del Manchester City, che in conferenza stampa ha risposto a chi voleva sapere dell’arrivo di Ronaldo con il suo solito stile: “Ci sono pochi giocatori al mondo che decidono loro dove giocare a prescindere delle trattative. Ronaldo e Messi sono tra questi. Per ora, non posso dire molto altro. Può succedere di tutto , ma io sono soddisfatto della mia rosa e credo che resteremo così .

LEGGI ANCHE >>> Correa sfiorò l’Inter nel 2012: il racconto dell’ex presidente dell’Estudiantes

Una cosa è certa: il Manchester City ha fatto di tutto per accaparrarsi Harry Kane, una punta, e nel momento in cui l’affare è saltato c’è da aspettarsi che i vice campioni d’Europa virino su un altro obiettivo. Cristiano Ronaldo non è nel suo “prime”, ma ha ancora pochi rivali in termini di realizzazioni e soprattutto come richiamo mediatico. Riuscirà nel caso il portoghese ad adattarsi al gioco di Guardiola (o viceversa)?