Serie A, la top 11 della giornata 2: domina l’Empoli ammazza-Juve

Filippo Bandinelli calcia
Filippo Bandinelli (Getty Images)

La top 11 della seconda giornata del campionato di serie A mette in mostra soprattutto l’Empoli, protagonista di un’impresa storica in casa della Juventus.

La squadra di Andreazzoli ha due rappresentanti nella nostra formazione ideale del turno appena disputato. Spiccano il portiere Vicario, autore nel primo tempo di grandi parate sui tiri di Chiesa, e il centrocampista Bandinelli, tra i migliori in campo anche contro la Lazio.

La Lazio e la Fiorentina anche vantano due interpreti, con Luis Alberto Immobile per la squadra di Sarri, mentre per la Viola ci sono Milenkovic Nico Gonzalez.

In difesa al fianco di Milenkovic ci sono Medel, protagonista di un’ottima gara in Bologna-Atalanta, e Koulibaly, autore di una prova dominante in Genoa-Napoli.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Vicario esulta
Vicario (Getty Images)

Vicario l’eroe di Torino, guida l’Empoli verso l’impresa

Vicario guida l’Empoli verso l’impresa perchè, se i toscani hanno espugnato l’Allianz Stadium, lo devono anche al loro portiere che si è riscattato dopo gli errori commessi contro la Lazio. Il portiere dell’Empoli si è reso protagonista di un paio di parate su Chiesa di grande livello.

La difesa a tre parte da Medel, il leader della resistenza del Bologna sul campo dell’Atalanta. Il cileno ha protetto bene la retroguardia e si è anche disimpegnato con brillantezza nella gestione del pallone.

LEGGI ANCHE >>> Ronaldo se ne va, la Juve sparisce: l’Empoli stende i bianconeri

Milenkovic ha guidato la difesa della Fiorentina con grande intelligenza tattica, Belotti non è un cliente semplice ma il centrale serbo l’ha tenuto a banda con grande applicazione.

Koulibaly entra nella nostra top 11 per la seconda volta consecutiva, sul campo del Genoa si è reso protagonista di una prova d’altissimo livello, con grande applicazione nelle letture e vincendo tanti duelli.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Luis Alberto calcia verso la porta
Luis Alberto (Getty Images)

Luis Alberto trascina la Lazio verso la goleada

Guardando la Lazio di Sarri, si ha l’impressione che Luis Alberto sia il “pendolo”, colui attorno al quale si sviluppa il gioco, che cambia il passo e trova tracce di adeguato spessore.

Contro lo Spezia il centrocampista spagnolo si è reso protagonista di una grande prestazione, con tre assist e un gol.

L’Udinese ha la capacità di valorizzare i giocatori che scopre, l’ultimo è stato De Paul ceduto all’Atletico Madrid. Un altro talento che sta venendo fuori in maniera brillante è l’esterno Nahuel Molina, esterno classe ’98 che l’Udinese ha pescato dal Boca Juniors.

LEGGI ANCHE >>> Sorpresa Sarri, un altro campione per la Lazio dopo Pedro?

Lorenzo Pellegrini ha saltato l’Europeo per infortunio, è tornato con rabbia, personalità, anche per conquistarsi il rinnovo alla Roma. Contro la Salernitana il capitano giallorosso ha realizzato una doppietta importantissima, la sua prestazione fu di ottimo livello anche contro la Fiorentina e in Conference League ha realizzato un assist.

La storia di Filippo Bandinelli racconta che ogni tanto anche nel calcio la classe operaia va in Paradiso. Filippo ha 26 anni, da varie stagioni girovaga per i campi della serie B tra Latina, Perugia, Benevento ed Empoli.

In Toscana per Bandinelli arriva la svolta perchè a casa del presidente Corsi c’è la capacità di valorizzare i talenti.

Bandinelli aveva convinto tutti già contro la Lazio alla prima giornata facendo anche gol prima della rimonta laziale.

A Torino si è reso protagonista di una prestazione sontuosa alternandosi tra la zona centrale del campo e la fascia sinistra. Corsa, dinamismo, personalità e qualità nelle scelte, si è visto tutto di Bandinelli, dai suoi piedi parte l’azione del gol di Mancuso.

Immobile tripletta
Ciro Immobile (Getty Images)

Immobile è il re delle triplette, guida l’attacco di SerieANews

Ciro Immobile è il re dei record, con la tripletta di sabato è arrivato a quota 154 gol, a -5 da Piola. L’attaccante della Nazionale Italiana è poi uno dei centravanti con il vizio della tripletta. Negli ultimi anni soltanto Icardi e Mertens hanno portato a casa sei triplette come lui.

Sabato contro lo Spezia si è concesso anche il lusso di sbagliare un rigore e rappresenta il terminale offensivo di una squadra che esprime un ottimo calcio. La Lazio sprigiona intensità, velocità, triangolazioni codificate e ottimi interpreti sotto il profilo tecnico.

LEGGI ANCHE >>> Correa brilla ma all’Inter non è tutto oro. Inzaghi rifletta

Alle spalle di Immobile meritano spazio due argentini che hanno illuminato con le maglie di Inter e Fiorentina. Correa ha cambiato la partita, realizzando una pregevole doppietta e trascinando i nerazzurri alla vittoria sul campo del Verona.

Nico Gonzalez ha avuto un ottimo impatto con il Franchi, segnando un gran gol di sinistro e rendendosi protagonista di una prestazione esaltante, dando energia all’attacco guidato da Vlahovic.