Roma, la frecciata di Pinto ai suoi calciatori non è passata inosservata

Tiago Pinto e Demetrio Albertini
Tiago Pinto e Demetrio Albertini (Getty Images)

La frecciata di Tiago Pinto non è passata inosservata: in casa Roma, qualche calciatore ha ricevuto il ‘colpo’ del DS giallorosso

Il mercato non sarà stato rivoluzionario, ma la Roma di José Mourinho è già una squadra molto diversa rispetto a quella delle passate stagioni. E, dopotutto, qualche arrivo pesante è anche stato messo a segno. Se adesso l’attacco dei giallorossi parla inglese con Tammy Abraham, è merito anche del direttore sportivo giallorosso, Tiago Pinto.

Il portoghese è stato accolto con un po’ di scetticismo nella Capitale, ma nel giro di quasi un anno è riuscito a far ricredere gran parte del tifo giallorosso. Certo, il suo percorso non è sempre stato lineare, ma come è stata anche la situazione societaria della Roma, sino all’arrivo dei Friedkin e della gestione Mourinho.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Nzonzi Rennes
Nzonzi (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> Milan, Pioli e le nuove novità offensive con l’arrivo di Messias

Roma, la frecciata del DS Tiago Pinto agli esuberi

Uno delle caratteristiche principali di Tiago Pinto, ad ogni modo, è la sua chiarezza. La stessa che il DS giallorosso ha utilizzato in conferenza stampa, per discutere degli esuberi rimasti in rosa. Esuberi come Santon, Nzonzi Fazio: “Vendere è un lavoro difficile. E in questo mercato, abbiamo faticato a trovare le soluzioni adatte per i calciatori in uscita. Per quello non sono partite.

“Adesso, lavoreremo per trovare soluzioni migliori – ha continuato Pinto, piazzando la stoccata ai tre – Noi, dal canto nostro, abbiamo portato offerte per tutti gli elementi in esubero. Offerte dove non avrebbero perso un solo euro del loro guadagno”.

Parole che priverebbero di responsabilità il DS portoghese, reo secondo una parte della piazza capitolina di non aver saputo sfoltire a dovere la rosa di Mourinho. E, ora, per Santon, Nzonzi Fazio non ci sarà alcuna speranza di reintegro in prima squadra, anche dinanzi ad eventuali infortuni.