Allegri ne perde un altro: “Attacco di gastroenterite”

Allegri
Allegri (Getty Images)

Massimiliano Allegri in conferenza stampa svela le scelte in vista del big match di domani tra Napoli e Juventus: quanti assenti

Ora non ci sono più dubbi. Massimiliano Allegri ha sciolto le riserve in vista di Napoli-Juventus e ha spiegato in conferenza stampa le sue scelte. I bianconeri dovranno fare punti assolutamente al ‘Maradona’ per evitare di allontanarsi ancora di più dalla vetta, ma arrivano all’appuntamento con più di qualche problema di formazione. Lo dice apertamente il tecnico livornese parlando come di consueto alla vigilia del match: “Cuadrado era l’unico che poteva venire ma ha avuto un attacco di gastroenterite e non è potuto neanche partire ed è in Colombia per gli accertamenti. Questo però non deve creare alibi”. Allegri ha anche aggiunto che, oltre al colombiano, tutti i sudamericani non saranno convocati.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Cuadrado
Cuadrado (Getty Images)

Napoli-Juventus, le scelte di Allegri

Allegri nella conferenza pre match ha anche annunciato che McKennie sarà titolare e che Chiesa aveva qualche timore nel giocare e non sarà quindi del match. Il tecnico ha poi aggiunto: “Domani abbiamo la formazione ideale per giocare contro il Napoli”.

LEGGI ANCHE >>> Perché Ronaldo non sarebbe mai rimasto alla Juventus

Analizzando i primi due match, l’allenatore ha spiegato: “La squadra deve avere la tranquillità interiore della squadra forte, al di là di quel che accade in campo”. E sulla classifica arriva il messaggio ai rivali: “Con calma arriviamo. Il campionato lo rimettiamo in piedi un pezzetto alla volta”. Allegri non vuole appellarsi agli assenti: “Abbiamo 13-14 giocatori più i ragazzi, ce ne sono abbastanza. Rischiare i sudamericani, che hanno terminato di giocare alle 3 stanotte, ha poco senso. Si lasciano a casa, riposano e lavorano. Martedì è la partita di Champions più importante. Napoli è una bella sfida, domani faremo una grande partita”.

Impossibile non commentare la prestazione di Kean: “L’ho trovato bene, è un ragazzo giovane. Nel Psg ha fatto diversi gol e sarebbe arrivato a prescindere dalla partenza di Ronaldo”.