Allegri ‘bacchetta’ Chiesa: il messaggio che non ti aspetti

Massimiliano Allegri Juventus
Massimiliano Allegri (Getty Images)

Massimiliano Allegri interviene in conferenza stampa per parlare della sfida tra Juventus e Milan: ecco qual è il suo pensiero su Chiesa.

È tempo di Juventus-Milan. La gara si giocherà domani, domenica 19 settembre, a Torino alle 20:45. In vista della partita, Massimiliano Allegri è intervenuto pochi minuti fa in conferenza stampa. Ha parlato di quelli che sono i dubbi di formazione ma anche della mentalità con cui i bianconeri si preparano ad affrontare il big match. Inoltre, ha rilasciato anche alcune dichiarazioni sul potenziale e sull’attuale condizione fisica di Federico Chiesa.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Federico Chiesa Juventus
Federico Chiesa (Getty Images)

Le parole di Massimiliano Allegri su Federico Chiesa

Queste le dichiarazioni rilasciate da Allegri sull’esterno destro bianconero: “Chiesa è uno dei dubbi. Rende molto di più a destra, davanti ha bisogno di giocare con una punta. A sinistra ha delle qualità importanti per entrare dentro il campo e tirare in porta. Sta crescendo ma deve migliorare su altre cose”.

LEGGI ANCHE >>> DIRETTA Genoa-Fiorentina: segui la partita LIVE

Inoltre ha parlato della formazione che sta ipotizzando: “Ho tre dubbi nella formazione, uno per reparto. Deciderò domani dopo la rifinitura. Tutti devono essere pronti ad aiutare i compagni. Chiellini? È uno dei dubbi. Bonucci? Prima o poi dovrà stare fuori. Ogni tanto mi fa arrabbiare quando forza un po’ le giocate però è super affidabile, per un allenatore avere un giocatore così è importante”

LEGGI ANCHE >>> Emergenza Milan, Pioli perde un altro titolare per la Juventus

Infine ha affermato: “La Juve è una squadra che no gioca per vincere le partite ma per vincere i campionati: e partite le vincono tutti, i campionati uno. Non sono due partite dove può succedere di tutto, ma sono 38. Serve continuità, alla fine vincerà. Ho trovato una Juventus con giocatori diversi. Quello che dobbiamo fare è non paragonare la Juve di ora a quella che era”.