“Dicevano che era scarso”, Juric ‘assolve’ uno dei suoi giocatori

Juric urla in panchina
Ivan Juric (Getty Images)

Il Torino pareggia in extremis contro la Lazio e Juric difende uno dei suoi calciatori: le parole del tecnico granata a Sky Sport

Pareggiare in extremis non è mai bello, soprattutto dopo una gara dominata. Lo sa bene Ivan Juric, tecnico del Torino, che a ‘Sky Sport’ ha analizzato così l’1-1 tra i suoi granata e la Lazio: “Non abbiamo subito niente, nonostante la partita tosta. Siamo stati dei polli, però, nel pareggiare una partita dominata. Potevamo vincere 2-0 e invece portiamo a casa solo un punto. Sarebbe stata la terza vittoria di fila, senza prendere gol”.

D’altronde, Juric non ha dubbi: “La nostra prestazione è stata ottima, bisogna solo fare i complimenti ai ragazzi. Anche se adesso sono ancora un po’ arrabbiato e non riesco a godermi la gara fatta (ride ndr). Tutto sommato, siamo stati bravi. Questo è un gruppo che viene da anni brutti e vuole cambiare strada“.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ricardo Rodriguez corre
Ricardo Rodriguez (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> DAZN nel caos: annunciato un nuovo ‘rimborso’ per gli abbonati

Juric difende Rodriguez: “Dicevano che era scarso”

Poi, Juric si sposta sul valore del suo Torino: “Nelle ultime due stagioni, questa squadra ha preso 140 gol e si è salvata sempre negli ultimi momenti. Se ho firmato per tre anni e perché ho visto un potenziale in questi giocatori, ma partiamo dal basso. Non sottovaluto questa rosa, se tutto ci gira bene e recuperano Praet e Belotti, possiamo dire la nostra. Poi è inutile girarci intorno, i calciatori che abbiamo son sempre quelli che son qui da anni: Belotti, Lukic, Sanabria, Mandragora, quelli che sono rientrati dal prestito e Ricardo Rodriguez, che molti mi dicevano fosse scarso. Non è così, lui come molti in questa squadra hanno potenziale, ma c’è tanto su cui lavorare. Solo col tempo cresceremo e faremo un passo in avanti”.

Infine, un passaggio sul ruolo di Belotti e la sua convivenza con Sanabria: “Solo a Firenze abbiamo giocato con due attaccanti e non la vedo come soluzione. Lì abbiamo fatto una partita brutta, ma davvero brutta. Poi il campionato ci dirà, ma la soluzione con i due attaccanti non riesco proprio a concepirla. Preferisco altri sistemi”.