“L’accordo c’era, poi è saltato”: il rimpianto dell’estate svela tutto

Pallone Serie A
Pallone Serie A (Getty Images)

Emerson Palmieri, finito al Lione, parla del mancato trasferimento al Napoli e del mancato accordo con il Chelsea.

L’accordo, ad un certo punto, sembrava trovato. Poi, invece, la trattativa estiva tra il Napoli ed il Chelsea si è interrotta, con il Lione che ne ha approfittato per piazzare l’affondo decisivo. Emerson Palmieri, in Francia, è tornato protagonista dopo una stagione vissuta ai margini con i Blues: per lui, fin qui, 7 partite condite da un gol. Un buon bottino per il terzino, al quale in ogni caso sarebbe piaciuto trasferirsi nel club partenopeo.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Emerson Palmieri riflette
Emerson Palmieri (Getty Images)

Emerson Palmieri parla del mancato accordo tra Napoli e Chelsea

A confermarlo è stato il diretto interessato, nel corso di un’intervista concessa alla ‘Gazzetta dello Sport’: “Dopo l’Europeo volevo giocare con continuità, sentirmi importante. Al Chelsea avevo poco spazio e Mancini mi ha detto che ai miei livelli si deve stare sempre in campo. Ho parlato con Spalletti e dato il mio accordo al Napoli. Non so perché non si è fatto”. Andare al Lione si è rivelata una scelta giusta. “Mi ha presentato un bel progetto e in due o tre giorni ho deciso. Credo di aver fatto un’altra scelta giusta. C’è un gruppo giovane e unito. E i brasiliani Paquetà, Guimaraes, Mendes, Henrique, mi hanno aiutato ad ambientarmi subito”.

LEGGI ANCHE >>> Napoli a valanga sulla Sampdoria: azzurri ancora capolisti in solitaria

Emerson Palmieri ha poi parlato del campionato italiano. “È il campionato più bello, dopo la Premier. Magari ha perso giocatori di spicco, ma sono arrivati allenatori importanti, da Sarri a Spalletti, a Mourinho. La Juve non domina più ed è difficile fare pronostici. Ci sono tante candidate”.