Il Napoli comanda anche la top 11 ma “finalmente” compare anche la Juve

Osimhen festeggia con Insigne
Osimhen e Insigne (Getty Images)

Il Napoli non comanda solo la serie A a punteggio pieno ma anche la nostra top 11 con ben tre giocatori: Ospina, Fabian Ruiz e Osimhen.

Per la prima volta nella top 11 di SerieANews ci sono tracce di Juventus con Chiesa e De Ligt che hanno risposto ad Allegri trascinando i bianconeri alla prima vittoria stagionale.

Il Milan anche porta a casa due interpreti nella nostra formazione ideale della quinta giornata, i due che hanno spaccato più di tutti la partita: Brahim Diaz Theo Hernandez.

Brahim non fa rimpiangere Calhanoglu, è l’uomo in più tra le linee, un riferimento costante nella produzione del gioco, s’abbassa, aiuta la costruzione e negli ultimi trenta metri è una risorsa offensiva di primo livello. È cresciuto anche in personalità e fiducia già dalla parte finale della scorsa stagione.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ospina abbraccia Osimhen
Ospina e Osimhen (Getty Images)

Da Ospina a Theo Hernandez, la difesa di SerieANews

Il risultato di 4-0 può ingannare, nel primo tempo fino al gol di Fabian Ruiz il Napoli ha anche sofferto e sull’1-0 ci ha pensato Ospina a difendere la porta con due parate importanti su Adrien Silva e Yoshida.

Il Sassuolo è storicamente per tipologia di gioco il miglior avversario per l’Atalanta che può stringere il campo al palleggio degli emiliani e attaccare a mille all’ora. L’ha fatto soprattutto con i quinti, con il primo gol di Zappacosta da quando è rientrato all’Atalanta.

De Ligt non ha fatto solo un gol di grande importanza ma una prova difensiva d’alto livello, riuscendo a coprire tanto campo, sia con la ricerca dell’anticipo che con le accelerazioni per scappare dietro e recuperare anche rispetto a qualche errore di Bonucci.

LEGGI ANCHE >>> Italiane spacciate in Champions: Matthaus boccia pure la “sua” Inter

La fase difensiva della Roma ha ancora tanto da registrare, lo dimostra anche il secondo tempo contro l’Udinese. Mancini ieri è stato protagonista di una prestazione importante, di sostanza, spicca soprattutto il salvataggio su Pussetto, vale quanto un gol.

Theo Hernandez a gara in corso è un’arma devastante, contro il Venezia ha cambiato la partita facendo gol e assist per Brahim Diaz.

Fabian Ruiz esulta
Fabian Ruiz (Getty Images)

Da Fabian Ruiz, la guida del Napoli, a Brahim Diaz, il centrocampo spagnolo di SerieANews

Nel 4-2-3-1 di SerieANews c’è un centrocampo della quinta giornata che abbonda di qualità: Fabian Ruiz con Anguissa al suo fianco ha fatto l’upgrade, a Genova ha toccato 101 palloni, un lavoro da regista con il 96% di passaggi riusciti. Ha segnato poi il secondo gol stagionale, il terzo consecutivo a Marassi (due alla Sampdoria e uno al Genoa).

L’Empoli si conferma “squadra da trasferta”, dopo il colpaccio in casa della Juventus i toscani hanno vinto a Cagliari. Lo scozzese ex Lecce Henderson è uno dei migliori in campo, ci mette quantità e qualità, corre a tutto campo e va vicino al gol dell’anno, un pallonetto dalla lunghissima distanza con Cragno fuori dai pali che si stampa sulla traversa.

LEGGI ANCHE >>> Sampdoria-Napoli, Fabian Ruiz: “Vi svelo il motivo della mia esultanza”

Brahim Diaz è il 10 puro di cui aveva bisogno il Milan con la partenza di Calhanoglu. Va meno alla ricerca degli spazi, a supporto degli esterni ma fa un doppio lavoro importante: s’abbassa per aiutare i centrocampisti a costruire gioco e allo stesso tempo accompagna tanto l’azione dentro l’area di rigore, lo dimostrano i gol contro Liverpool e Venezia.

Chiesa e Perisic FrecciaArgento, Osimhen Freccia Rossa, potere alla velocità nell’attacco di SerieANews

Chiesa in Spezia-Juventus è stato devastante, il gol del momentaneo pareggio che cambia la partita è tutto suo. Strappa il pallone a Verde sulla corsia sinistra, entra in area, con il supporto di Morata di forza fa il gol del momentaneo 2-2.

L’Inter a Firenze ha vinto una gara di spessore, in rimonta, da grande squadra. L’ha chiusa Perisic sull’1-3, il croato come tutta la squadra nerazzurra non è partito benissimo ma poi nel corso della gara ha lavorato bene in entrambe le fasi.

LEGGI ANCHE >>> Osimhen-Spalletti: rapporto speciale, il nigeriano svela il retroscena

Se Chiesa e Perisic sono i “Freccia Argento”, Osimhen è il “Freccia Rossa” dell’attacco. Fa tantissimo durante una partita, è lo stress-test per gli avversari, li porta all’errore come nel caso di Augello Adrien Silva sul primo gol. Riempie l’area, allunga la squadra, rappresenta una minaccia costante per le difese avversarie, è un riferimento a cui appoggiarsi con la sua fisicità.

Ecco la nostra top 11 della quinta giornata

(4-2-3-1): Ospina; Zappacosta, De Ligt, Mancini, Theo Hernandez; Henderson, Fabian Ruiz; Chiesa, Brahim Diaz, Perisic; Osimhen