L’Atalanta domina: batte lo Young Boys ed è in testa al girone

Pessina esulta
Pessina (Getty Images)

L’Atalatnta ha battuto lo Young Boys 1-0 grazie al gol di Pessina. Vittoria meritata per gli uomini di Gasperini.

Da pochi minuti è  terminata la partita tra l’Atalanta e lo Young Boys con il risultato di 1-0 a favore dei padroni di casa. Rete decisiva da Pessina nel secondo tempo che ha portato a termine un forcing durato tutta la gara.

L’Atalanta parte subito forte con Zapata che prova la conclusione: para Von Ballmoos. Al 17′ viene annullato un gol all’Atalanta per fuorigioco di Toloi. I nerazzurri premono, Pessina viene anticipato all’ultimo da Camara. Al 22′ Zapata ci prova di testa: pallone fuori. Trascorrono sei minuti ed è lo Young Boys a sfiorare il vantaggio con Elia che, solo contro Musso, tira alto.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Lauper contrasta Pessina
Lauper e Pessina (Getty Images)

Pessina la sblocca nella ripresa e porta l’Atalanta in testa alla classifica

Al 45′ Pessina, tutto solo e a due metri dalla riga di porta, non riesce ad impattare bene la sfera, favorendo l’intervento del portiere avversario. L’Atalanta comincia il secondo tempo come il primo: attaccando. Al 54′ è Toloi ad impegnare Von Ballmoos. L’estremo difensore dello Young Boys blocca anche il tentativo di Pessina di testa due minuti dopo.

LEGGI ANCHE >>> DIRETTA Juventus-Chelsea: segui la partita LIVE

Von Ballmoss è ancora bravissimo a spingere a due mani un tiro a giro di Zappacosta. Al 69‘ il forcing dell‘Atalanta finalmente ha successo: con Zapata che serve Pessina che in spaccata porta in vantaggio i padroni di casa. Zapata è incontenibile e all’81’ gira di testa: para ancora il portiere dello Young Boys. Il colombiano dopo cinque minuti sfiora di nuvo il gol, non riuscendo a colpire la sfera di testa.

Numero di Muriel ad un minuto dal 90′ che salta due avversari e si presenta davanti a Von Ballmoss che respinge la conclusione del colombiano. Dal nulla lo Young Boys va vicino al pareggio con Martin Pereira, ma la sua conclusione potente va di poco alto. La gara termina e i nerazzurri vincono la prima gara in Champions nel suo stadio e in presenza dei suoi tifosi.