Atalanta, doccia fredda per Gasperini: infortunio pesantissimo

Gasperini Atalanta
Gasperini (Getty Images)

Arrivano pessime notizie per Gian Piero Gasperini. L’allenatore dell’Atalanta, infatti, dovrà far fronte ad un pesantissimo infortunio per la sua rosa.

Non sarà una passeggiata fare a meno di un giocatore importante come Robin Gonsens, non per cosi tanto tempo come probabilmente dovrà essere a causa dell’infortunio riportato dal giocatore nerazzurro durante la sfida di Champions League contro lo Young Boys.

Nella giornata di oggi, infatti, erano previsti gli accertamenti per l’esterno tedesco, che rappresenta un punto di forza importante per la Dea. Ecco perchè la speranza era che il giocatore potesse aver riscontrato un infortunio lieve, magari da poterlo tenere out non per molto tempo. Speranza che sono svanite proprio nel corso della giornata, visto che in serata è arrivato il responso definitivo sulla situazione di Gonsens.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Robin Gosens si bagna la faccia
Robin Gosens (Getty Images)

Atalanta, che tegola per Gasperini: lungo stop per Gosens

Gli esami strumentali hanno presentato sulla scrivania di Gasperini una situazione ben più seria di quella che probabilmente lo stello allenatore poteva immaginare. Per l’esterno nerazzurro, infatti, si tratta – secondo quanto riportato da Sky Sport – di una lesione al bicipite femorale della coscia destra. Un infortunio non da poco, e che ovviamente getta grande preoccupazione anche sul recupero di Gonsens.

LEGGI ANCHE >>> Arriva la svolta: Insigne, in corso l’incontro che può cambiare il futuro

Con ogni probabilità, infatti, l’Atalanta dovrà fare a meno del suo giocatore per due mesi. Un periodo lunghissimo, che creerà grosso problemi allo stesso Gasperini costretto a fare i conti con un problema emerso all’improvviso e del quale avrebbe voluto fare volentieri a meno.

Da capire, adesso, come verrà gestita l’assenza di Gosens per cosi tanti tempo. Possibile che il giocatore, dunque, torni sotto Natale e per questo l’allenatore dovrà scegliere una soluzione continuativa nel tempo ed in grado di dare le stesse garanzie – nei limiti del possibile – che dava lo stesso esterno tedesco in entrambe le fasi di gioco.