Leonardo scopre le carte su Donnarunna: “Mai fatto così con lui”

Leonardo in campo
Leonardo (Getty Images)

Dal palco del Festival dello Sport di Trento, Leonardo scopre le carte su Donnarumma ed il PSG: le parole dell’ex Milan

Che siano i fischi di San Siro, il duello con Keylor Navas o che altro, Gigio Donnarumma resta in primo piano. L’ex Milan è certamente uno dei protagonisti dell’ultima estate di calciomercato, con l’addio tanto travagliato ai rossoneri e il discusso approdo al Paris Saint-Germain.

Un approdo che, secondo i mal pensanti, sarebbe stato architettato ad opera d’arte dal club parigino, voglioso di arrivare al portiere campano, senza passare dal tavolo delle trattative con il Milan. Addirittura, inducendo lo stesso Donnarumma a lasciare San Siro a parametro zero, pur di approdare all’ombra della Tour Eiffel.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Donnarumma applaude in campo
Donnarumma (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> Ibrahimovic può tornare a guidare l’attacco del Milan: test decisivo in arrivo

Donnarumma e l’approdo al Paris Saint-Germain: Leonardo scopre le carte

Una teoria che Leonardo, dirigente del PSG, ha rimandato al mittente dal palco del Festival dello Sport di Trento: “Non abbiamo mai contattato Donnarumma prima del mese di giugno. Avevamo saputo che il Milan avrebbe virato su Maignan, dopo aver rinunciato a rinnovare Gigio. Solo a quel punto ci siamo resi conto che il ragazzo era sul mercato. Non ci siamo mai comportati in maniera scorretta nei confronti del calciatore o del Milan”.

Di qui, Leonardo spiega: “Prima che succedessero alcune cose in seno ai rossoneri, non avevamo mai pensato di prendere Donnarumma. Del suo possibile arrivo a Parigi, se n’è parlato soltanto a giugno. Abbiamo parlato con lui ed il suo entourage, quando ormai libero da ogni vincolo. E solo allora abbiamo deciso. Non c’è mai stato un ‘lavoro’ del PSG per farlo andar via a zero dal Milan“.

Insomma, Leonardo assicura la correttezza dei parigini e aggiunge: “Se non fosse venuto da noi, sarebbe andato in un’altra squadra. Ormai aveva già deciso di non restare più in rossonero”.