Il caso Dazn fa litigare la serie A: a rischio 150 milioni di euro

Diletta Leotta per Dazn
Diletta Leotta (Getty Images)

Martedì 19 ottobre ci sarà un’assemblea della Lega di Serie A con un’audizione di Dazn, che sta facendo litigare i presidenti.

La serie A non trova pace, il cambio di paradigma con i diritti televisivi continua a generare polemiche. 840 milioni per il triennio 2021-24 di cui 340 garantiti da Timvision per le dieci partite di ogni giornata di serie A hanno aperto un nuovo mondo che registra delle scosse.

L’8% dell’ammontare totale, quindi circa 90-100 milioni, va redistribuito tra le società di calcio in base agli ascolti televisivi comunicati dall’Auditel. Sorge il primo problema: Dazn s’affida a Nielsen. Genoa, Sassuolo e Sampdoria sono i club più agguerriti, pensano d’aprire un contenzioso con la Lega Serie A rappresentata dal presidente Dal Pino e dall’ad De Siervo.

Le tre società fanno riferimento alla Legge Melandri che impone l’Auditel per la certificazione dei dati.

La telecamera di Dazn inquadra la serie A
Dazn (Getty Images)

Con Dazn e TimVision a rischio il bonus aggiuntivo di 150 milioni di euro per i presidenti

Intanto il caso Dazn trova sponde anche in altre dinamiche: la Commissione Cultura in Parlamento ha approvato una risoluzione sul tema, Agcom ha aperto un’istruttoria. Non è finita, gli sponsor hanno fatto richieste precise sugli ascolti e sui ritorni in termini di visibilità.

Dazn martedì prossimo fornirà tutte le spiegazioni, la Lega Serie A valuta anche d’affidarsi ad un ente terzo per confrontare i dati forniti dalla Nielsen.

Secondo quanto racconta l’edizione odierna di Milano Finanza, il problema più grosso riguarda la clausola di earn out che da diritto ad un bonus di 150 milioni ai presidenti. Quest’incentivo si lega al numero di abbonati che Dazn e TimVision riescono a portare a casa nella prima stagione (2021-22).

LEGGI ANCHE >>> Dazn si riscatta: l’incredibile aiuto al caso Koulibaly

I dati sono riservati ma Dazn è accreditata di un dato complessivo inferiore al milione d’abbonati. Secondo quanto raccontato da Repubblica, TimVision oscilla intorno ai 500 mila abbonati.

Dazn si dice soddisfatta dei risultati raggiunti ma non basterebbero per il bonus di 150 milioni di euro, un problema per i presidenti in un’epoca difficile per il calcio italiano. Martedì i presidenti in assemblea di Lega valuteranno e discuteranno il tema del bando relativo agli highlights pay che Sky chiede a gran voce. Il terreno è fertile, la serie A punta a recuperare soldi e visibilità.