“Juve e Napoli nel mirino”: il nuovo caso che scuote il calcio italiano

De Laurentiis e Agnelli
De Laurentiis e Agnelli (Getty Images)

Un nuovo caso scuote il calcio italiano: nel mirino la Juventus e il Napoli e le plusvalenze sospette al vaglio della Covisoc

Un nuovo caso potrebbe abbattersi sul mondo del calcio. Ne parlano la ‘Repubblica’ e ‘Il Tempo’ che lanciano la notizia della relazione che la Covisoc ha inviato alla Procura della Figc sulle plusvalenze sospette. In particolare sono 62 i trasferimenti effettuati tra il 2019 e il 2021 ad essere finiti sotto la lente d’ingrandimento della vigilanza del calcio. Nel mirino ci sono soprattutto la Juventus e il Napoli.

In particolare nella relazione che ora è al vaglio del procuratore Giuseppe Chiné ci sono i 40 milioni di plusvalenze ottenute dalla società bianconera. Tra le operazioni sui quali ci sono accesi i riflettori della Covisoc e sui quali ora la procura Figc farà chiarezza c’è anche lo scambio con il Barcellona tra Arthur e Pjanic e quello con il Manchester City che ha portato Danilo a Torino e Cancelo in Inghilterra. Operazioni in cui praticamente non si è mosso denaro.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Osimhen
Osimhen (Getty Images)

Caso plusvalenze, non solo Juventus: nel mirino anche il Napoli

Ma il caso plusvalenze come detto non riguarda soltanto la Juventus. Nella relazione della Covisoc si puntano i riflettori anche sull’operazione che ha portato Osimhen dal Lille al Napoli. Un affare da oltre 70 milioni di euro che però ha visto quattro calciatori fare il percorso inverso, dall’Italia alla Francia. Quattro giocatori valutati complessivamente venti milioni di euro ma dei quali soltanto uno è ancora al Lille (peraltro non giocando), mentre gli altri sono tornati in Italia e militano tra Serie C e Serie D.

LEGGI ANCHE >>> Troppe polemiche: la Supercoppa Inter-Juventus cambia ancora data

Anche questa operazione sarà al vaglio di Chinè, così come tutti i 62 trasferimenti sui quali si sono accesi i riflettori della Covisoc. E per il calcio italiano, anche se nessuna indagine finora è stata avviata, c’è il timore che possa scoppiare l’ennesimo scandalo.