Atalanta nel caos, Venezia furioso: attacco social mai visto dal club

La sfida degli ottavi di finale di Coppa Italia tra Atalanta e Venezia è in questo momento in corso: spunta l’attacco social

Il Venezia di Paolo Zanetti è sotto di un gol contro l’Atalanta di Gian Piero Gasperini. L’unica rete segnata nel corso del match di Coppa Italia è stata firmata da Luis Muriel ma proprio questo episodio ha trovato l’attacco social del club lagunare.

Gasperini urla a bordocampo Atalanta
Gian Piero Gasperini (LaPresse)

La partita continua ad essere più che aperta e la qualificazione della Dea al turno successivo di Coppa Italia non è ancora stato posta in cassaforte. Il Venezia, infatti, non intende arrendersi facilmente. Atteggiamento d’altronde già dimostrato fino a questo momento anche in Serie A.

Il gol segnato da Luis Muriel al 12′, su assist e soprattutto su grande giocata inventata da Remo Freuler, non è stato convalidato immediatamente ma solo dopo il check del VAR. Da valutare è stato un eventuale tocco di mano del colombiano ma, alla fine, la rete è stata assegnata. A questo episodio fa perciò riferimento l’attacco social arrivato dal profilo ‘Twitter’ del Venezia.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Coppa Italia, attacco social del Venezia per il gol segnato da Muriel nel corso del primo tempo

Complice anche l’infortunio di Duvan Zapata, Gian Piero Gasperini ha schierato ancora una volta (dopo lo scorso turno di Serie A contro l’Udinese) titolare Luis Muriel. Il colombiano, anche stavolta, non ha deluso le aspettative ed è andato a segno poco dopo i primi dieci minuti dal fischio d’inizio della gara. Il suo gol, però, è stato oggetto di critiche da parte del Venezia.

LEGGI ANCHE >>> “Gioca lui”: Fiorentina, la doppia sorpresa in Coppa Italia fa esultare i tifosi

Il club arancioneroverde ha mostrato il proprio disappunto sul profilo ufficiale ‘Twitter’ per come il gol sarebbe stato effettivamente portato a segno. Il fermo immagine postato mostra perciò Luis Muriel mentre porta avanti il pallone con un tocco con il braccio. La decisione del VAR quindi non è stata certamente accettata dal Venezia.