Juventus, Agnelli ha deciso: il club risolve il contratto in estate

In vista della prossima stagione la Juventus punta a una rifondazione che passerà anche dalla risoluzione di un contratto molto pesante.

La Serie A 2021/2022 è arrivata alle sue battute conclusive e presenta per la prima volta da molto tempo una situazione relativa alla corsa Scudetto più che mai incerta.

Andrea Agnelli presidente Juventus
Andrea Agnelli (LaPresse)

Milan, Inter e Napoli corrono per il titolo, mentre la Juventus che per 9 anni ha dominato il calcio italiano si trova, per la seconda stagione consecutiva, ormai tagliata fuori. La sconfitta nello scontro diretto con l’Inter allo Stadium ha stroncato le speranze che si erano riaccese dopo una seconda parte di torneo praticamente perfetta, che era seguita però a una partenza disastrosa.

Neanche il ritorno di Massimiliano Allegri in panchina è bastato per tornare a vincere uno Scudetto che a lungo i bianconeri hanno dato per scontato. E che non potrà che essere l’obiettivo anche per la prossima stagione.

Servirà però un profondo lifting. Che a differenza delle altre big riguarderà non soltanto le forze in entrata, ma anche la cessione di quei giocatori che ormai non sono più ritenuti utili alla causa. Che non sono pochi e pesano molto sui conti bianconeri.

Aaron Ramsey
Aaron Ramsey (LaPresse)

Juventus-Ramsey, a giugno arriverà la risoluzione?

Tuttosport ha analizzato la situazione attuale dei 31 giocatori che la Vecchia Signora in questo momento ha sotto contratto e che si trovano in prestito. E tra questi spicca senza dubbio, per fama e ingaggio percepito, il nome di Aaron Ramsey. Il gallese a Torino non ha mai ingranato, e in estate dovrà lasciare il club.

Così, mentre il Milan punta Scamacca e l’Inter valuta il possibile arrivo “low cost” di Paredes, la Juventus in questo momento pensa a come liberarsi dei 7 milioni di euro annui che Ramsey per contratto percepirà anche nella prossima stagione.

L’idea iniziale era quella di puntare su un suo rilancio lontano da Torino, in un club che potesse apprezzarne le doti e decidere di riscattarlo in estate. Questo club è stato individuato a gennaio nei Rangers Glasgow, ma anche nel modesto campionato scozzese il centrocampista gallese non ha certo fatto faville.

Dopo averlo ignorato a lungo, il tecnico Giovanni van Bronkhorst gli ha finalmente concesso spazio nelle ultime uscite ed è stato ripagato anche da un paio di gol, ma le prestazioni messe in mostra non sembrano comunque sufficienti per spingere i Rangers al riscatto.

Ramsey dunuqe dovrebbe tornare a Torino in estate, forte del suo contratto da 7 milioni di euro netti valido fino a giugno 2023. A quel punto la Juventus molto probabilmente cercherà di liberarsene cercando l’accordo con il giocatore per una risoluzione consensuale.

Un accordo che metterà la parola fine a quello che probabilmente può essere considerato uno dei peggiori affari nella storia recente del club.