Squalifica Koulibaly, il giudice risponde a ADL: “Rispettate le regole”

napoli, de laurentiisSQUALIFICA KOULIBALY, ancora polemica- Nell’ambiente Napoli ci sono ancora polemiche per la conferma della squalifica di due turni inflitta a Koulibaly. I fatti antecedenti alla sanzione sono ormai noti, con l’espulsione arrivata lo scorso 26 dicembre a San Siro per un applauso polemico nei confronti di Mazzoleni.

Prima il doppio giallo, quindi il rosso che hanno portato il difensore a raggiungere anzitempo gli spogliatoi, lasciando i suoi in 10. Di contorno i beceri buu dagli spalti nei confronti del giocatore del Senegal, episodio sul quale hanno puntato i legali del Napoli per ridurre la squalifica al centrale e riaverlo così a disposizione per la gara contro la Lazio. Ieri la decisione definitiva del giudice: conferma delle due giornate di squalifica e sdegno di De Laurentiis nemmeno troppo giustificato, L’indomani il verdetto, arrivano le parole dello stesso giudice sportivo.

Leggi anche: Inter, arriva Barella? Indizio social

Squalifica Koulibaly, la risposta del giudice al Napoli

La difesa del Napoli puntava sul contesto ostile a Koulibaly, con l’ambiente contrario che secondo i legali azzurri avrebbero influenzato negativamente il difensore portandolo all’errore. Una difesa che non ha convinto e ecco spiegata da Piero Sandulli, giudice della Corte federale d’Appello, all’Ansa la decisione dell’organo della Figc: “Nel bilanciamento operato nella decisione di ieri ha prevalso il rispetto delle regole. La solidarietà umana, che noi abbiamo inteso mostrare al calciatore anche attraverso il colloquio con lui, è un valore da proteggere ma che non può sconfinare in comportamenti lesivi del corretto svolgimento di un evento. Se è concesso ad un calciatore un comportamento irrispettoso del direttore di gara, si legittimano anche episodi che possano sfociare nella violenza verso l’arbitro“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *