Pochettino-Guardiola, in Champions si rinnova la sfida tra i tecnici

Pochettino Guardiola
(Photo credit should read BEN STANSALL/AFP/Getty Images)

POCHETTINO GUARDIOLA – Il mese di aprile sarà animato da diversi scontri tra il Manchester City di Guardiola e il Tottenham di Mauricio Pochettino. Le due squadre si affronteranno in Champions League martedi 9 e il 17 aprile, mentre si scontreranno in Premier League il 20 dello stesso mese. Dopo aver eliminato il Borussia Dortmund agli ottavi di finale di Champions, gli spurs sono ora pronti a sfidare la squadra di Guardiola, reduce dalla vittoria contro lo Schalke 04. I due allenatori si sono sfidati già in 14 partite, di cui 8 vinte dai citizens e 2 dagli spurs, con 4 pareggi. Guardiola ha una media di punti per partita del 2,38, mentre Pochettino dell’1,63. Entrambi gli allenatori citano l’attuale tecnico del Leeds United Marco Bielsa come un’enorme influenza sulla loro filosofia calcistica.

Pochettino-Guardiola, la sfida continua

La carriera manageriale di Pochettino iniziò con l’Espanyol nel 2009 e la sua prima vittoria arrivo’ a sorpresa contro il Barcellona d’oro di Guardiola al Camp Nou per 1 a 2.
Pochettino ricorda con affetto quel match: “Da dove ho avuto l’idea di doverli mettere sotto pressione? Dipende dalla tua personalità, da chi sei. Mostra in campo chi sei. Se sei coraggioso nella tua vita, non puoi comportarti in modo diverso sul campo, non capisco come sia possibile giocare in un modo diverso, sii sempre coraggioso. Mi piace essere coraggioso”. I due manager si sono incontrati sette volte nella Liga durante i loro tre anni passati in Spagna. Guardiola vantava un bilancio superiore, con quattro vittorie, anche se, considerando i il dislivello di talento tra le due squadre, quel record sembrava sottolineare l’abilità di Pochettino come tecnico. In ogni caso, la vittoria finale del Barcellona di Guardiola sull’Espanyol di Pochettino il 5 maggio 2012 sarà ricordata da tutti i tifosi catalani. Guardiola, nella sua ultima partita in casa a Barcellona, dove aveva portato a galla il talento di Lionel Messi, vinse per 4 a 0: fu proprio Messi a mettere a segno una clamorosa quaterna. Circa 89.000 fan cantarono il nome di Guardiola, sventolando bandiere con su scritto “Grazie, Pep”.

-> LEGGI ANCHE: Tottenham-Manchester City, le statistiche: l’ultimo ko citizens nel 2016

Gli scontri in Premier League

Nel loro primo incontro in Premier League, nel 2016, il Tottenham di Pochettino inflisse a Guardiola la sua prima sconfitta come allenatore del Manchester City. I ragazzi di Pep faticarono a replicare gli schemi che li avevano guidati fino a quel momento. C’era una chiara somiglianza tra il modo in cui la squadra di Pochettino sconfisse il City e la famosa vittoria dell’Espanyol al Camp Nou. “Non siamo riusciti a far fronte al loro pressing, volevamo farlo noi e loro lo hanno fatto meglio”, disse Guardiola dopo aver perso per 2 a 0. Nel 2017, nella 22 giornata di Premier League, gli spurs rimontarono dal 2 a 0 al 2 a 2 nel turno di ritorno stagionale dell’Etihad Stadium. Nonostante il risultato, la squadra di Guardiola sembro’ dominante rispetto al Tottenham: Leroy Sanè e Kevin De Bruyne segnarono i primi due gol. La tensione era forse un po’ piu’ alta del solito in vista dell’incontro di Premier League 17-18 tra i citizens e i reds che si risolse in un 4 a 1 per il Manchester City. Il commento di Guardiola, che si riferì al Tottenham come alla “squadra di Harry Kane”, non fu molto apprezzato a nord di Londra. “A volte fa fatica a mantenere la sua posizione ed essere un gentiluomo”, rispose Pochettino quando gli fu chiesto un parere sulle parole di Guardiola. Nelle successive due partite, che rappresentano anche gli ultimi due match disputati tra le formazioni, il Manchester ha trionfato altre due volte al Wembley Stadium, in Premier League, imponendosi il 14 aprile 2018 per 1 a 3 grazie alle reti di Jesus, Gundogan e Sterling e il 29 ottobre 2018 per 0 a 1 con il gol messo a segno da Mahrez. Una rivalità accesa che vedrà tre nuovi episodi questo mese, nel quale Pochettino cercherà di ribaltare il bilancio che vede in vantaggio Guardiola.

Giovanni Cardarello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *