PSG in allarme: la Uefa potrebbe escluderlo dalle coppe europee

Ranking UEFA

PSG UEFA – Il Paris Saint-Germain potrebbe essere escluso dalle competizioni europee a causa dei suoi passati contratti di sponsorizzazione firmati con enti del Qatar, giudicati molto al di sopra del prezzo di mercato. Finora, il problema era considerato limitato agli accordi firmati dopo il 2015, ma secondo L’Equipe, il Trial Chamber UEFA, che ha deciso di riaprire il caso, vorrebbe anche rivedere le stagioni 2013-2014 e 2014-2015.

—> Le accuse di Football Leaks al PSG

PSG, il ricorso al TAS contro la decisione della UEFA

Una decisione che il club francese non condividerebbe, visto che l’accordo raggiunto nel 2015 con la Camera di Pubblica Istruzione avrebbe dato per validi questi contratti come indicato questo mercoledì dal giornale sportivo transalpino. Pertanto, il PSG avrebbe deciso di portare il caso davanti alla Corte di Arbitrato per lo Sport (TAS) per dirimere la controversia. Il PSG al momento rimane nella situazione dettata dalla decisione della UEFA dello scorso 13 giugno, la quale aveva già ridotto del 37% i contratti di sponsorizzazione firmati dal 2015 con enti del Qatar, in particolare con l’Autorità per il turismo in Qatar.

PSG, il rischio di essere considerato recidivo e le conseguenze

—> Il PSG risponde alle accuse di Football Leaks

Il PSG non è stato sanzionato a condizione che fosse in grado di mantenere il suo disavanzo al di sotto dei 30 milioni di euro. Ma il 3 luglio, è stata giudicata inappropriata quella decisione e ordinò una revisione più approfondita dei suoi bilanci. In particolare, secondo L’Equipe, questa scelta sarebbe destinata a correggere verso il basso il valore dei contratti delle due stagioni precedenti violando in questo modo le regole del fair play finanziario. Il PSG era già stato sanzionato nel 2014 con il blocco degli acquisti per aver infranto quelle regole. Questo significa che ora sarebbe recidivo, vale a dire che la UEFA potrebbe persino escluderlo dalle competizioni europee. La palla è ora nelle mani del TAS che dovrà decidere se convalidare o meno questa decisione da parte della UEFA. Una sentenza molto attesa è che potrebbe avere delle conseguenze molto gravi.