Serie A, UFFICIALE: campionato sospeso fino al 3 aprile! Le Coppe si giocano a porte chiuse

CAGLIARI, ITALY - AUGUST 25: Alfredo Donnarumma of Brescia scortes his goal 0-1 during the Serie A match between Cagliari Calcio and Brescia Calcio at Sardegna Arena on August 25, 2019 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)
. (Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

SERIE A- Ora è ufficiale, la Serie A si ferma fino al 3 aprile, almeno per il momento. Il decreto legge preparato dal governo ha bloccato tutte le manifestazioni sportive in Italia. Ad annunciarlo in anteprima è stato il Premier Conte tramite conferenza stampa.

Il presidente del Consiglio ha così ammesso: ““Se la salute pubblica è un bene messo a repentaglio siamo costretti a porre sacrifici per gli altri interessi pur meritevoli di tutela. Perciò sto per firmare un provvedimento che possiamo chiamare ‘iorestoacasa’”. Non possiamo neppure consentire che proseguano le gare del campionato di calcio di Serie A, dispiace dirlo, ma i tifosi devono prenderne atto

Leggi anche: Serie A| Il campionato si ferma? Ecco cosa succederebbe a norma di regolamento

Serie A, il decreto del governo

La lettera d) dell’articolo 1 del decreto del Presidente del Consiglio 8 marzo 2020 è sostituita dalla seguente ”d): “Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Gli impianti sportivi sono utilizzabili, a porte chiuse, soltanto per le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali e internazionali. Resta consentito esclusivamente lo svolgimento di eventi e competizioni sportive organizzate da organismi sportivi internazionali all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse. In tutti tali casi le società sportive sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Sport e attività motorie svolte all’aperto sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della distanza interpersonale di un metro”.

Serie A sospesa, le Coppe vanno avanti a porte chiuse

Come sottolineato dal decreto, le Coppe Europee, in Italia, si disputeranno rigorosamente a porte chiuse.