Serie A, contratti in scadenza il 30 giugno: da Kulusevski a Ibra e Nainggolan, ora che succede?

GENOA, ITALY - DECEMBER 08: Dejan Kulusevski of Parma Calcio and Fabio Quagliarella of UC Sampdoria during the Serie A match between UC Sampdoria and Parma Calcio at Stadio Luigi Ferraris on December 8, 2019 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)
(Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

CONTRATTI SERIE A- La ripresa della Serie A coinciderà con la scadenza di alcuni contratti dei giocatori, (103 per la precisione), i quali saranno chiamati a valutare il loro futuro per capire se rinnovare la proroga del loro contratto per altri due mesi, prima di valutare il prossimo futuro. Giocatore e società dovranno valutare il da farsi e provare a raggiungere un nuovo accordo per due mesi, ma non è escluso che le trattative possano anche naufragare.

Contratti in scadenza sia per quel che riguarda la scadenza naturale del rapporto, sia per quel che riguarda la situazione prestiti. Su tutti spiccano le situazione di Ibrahimovic, Nainggolan e Kulusevski. L’attaccante svedese potrebbe rinnovare il suo matrimonio con il Milan per altri due mesi prima di valutare il da farsi in vista della prossima stagione.

Leggi anche: Serie A, niente algoritmo? Spunta l’ipotesi media punti: tutti i dettagli

Contratti Serie A, il ds del Parma: “Kulusevski? Sono un po’ preoccupato”

Come detto, occhio anche alla situazione prestiti. A Tal proposito il ds del Parma, Daniele Faggiano, intervenuto ai microfoni di “Radio Marte”, ha così ammesso: “Kulusevski andrà alla Juve dal 30 giugno? Mica si capisce… con la scusa che c’è tempo, ora il tempo sta passando.

Non so se dipende dalla FIGC, dalla FIFA o da chi. Devo farvi una confessione: guardando in casa mia per la questione Kulusevski un po’ di preoccupazione c’è, sono preoccupato perché sarebbe stato meglio prendere una decisione univoca, voi chiedete notizie a noi, noi siamo più confusi di voi. Bisogna risolverla nel migliore dei modi. Tutti abbiamo prestiti e cose del genere, io ne ho pochi e lui è nei pochi però è uno che conta tanto per me”