Josip Ilicic ha ricevuto un messaggio sul telefonino

Ilicic Atalanta
Josip Ilicic (Getty Images)

Al termine della partita contro lo Spezia, l’attaccante dell’Atalanta, Josip Ilicic, ha ricevuto un messaggio sul suo telefonino

Stremato, rientrato negli spogliatoi, Josip Ilicic ha preso il telefono. C’era un messaggio: “Il tuo credito sta per esaurire”. Una frase semplice che sintetizza il suo momento. Lo sloveno, opaco anche contro lo Spezia, certo in ottima compagnia ma pur sempre al di sotto del suo talento, deve ricaricare le batterie, non il cellulare, perché il tempo a sua disposizione sta per scadere. Ne ha avuta tanta, di fiducia, da parte di Gasperini.

Ne avrà ancora, perché è stato il trascinatore degli ultimi anni e perché ha subito – come molti – un trauma che ha colpito l’uomo dal quale, almeno fisicamente, non si è ancora ripreso. Ma quello che ciondola in campo, che a fatica sprinta, che quasi mai si accende, non può vivere di riconoscenza ancora a lungo. Specialmente ora che la classifica comincia a presentare il conto.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, probabili formazioni 8^ giornata: ultime su Dybala e Osimhen

Ilicic Atalanta
Josip Ilicic in azione (Getty Images)

Ilicic mai sufficiente: nessuno si aspettava un avvio così

Tutti avevano già previsto le difficoltà iniziali. “Ci vorrà tempo prima di vedere il vero Ilicic” aveva detto Gasperini annunciando il suo ritorno in campo. Ma la cronaca racconta di un rendimento ancor più distante dalle pessimistiche previsioni. Da quando è rientrato, 17 ottobre, al San Paolo contro il Napoli, lo sloveno non ha mai raggiunto la sufficienza.

La sua media voto è pari al 5, un colpo al cuore per Gasperini e tutti i fantallenatori che hanno puntato su di lui a inizio stagione. Josip non è ancora Ilicic: sul pallone non danza più, poche volte è lucido, paga il lungo periodo d’inattività e, pur volendo, fatica ad incidere. Non ha corsa, resistenza, scatto. Non riesce neppure a tirare. I dribbling non gli riescono. Gli spunti sono rari.

Gasperini al bivio: in panchina c’è una stella

Tutti hanno sostenuto Ilicic nel momento del bisogno, ora si aspettano il suo ritorno. Ha avuto tempo – e ancora ne avrà – per tornare al top, Gasperini anche con lo Spezia lo ha lasciato in campo fino all’80’ per permettergli di accumulare minuti, ma sa bene che il suo futuro, nelle gerarchie, sarà legato al suo rendimento.

Anche perché in panchina c’è un certo Miranchuk che scalpita. Al Manuzzi ha creato più lui in 10′ che Ilicic in tutta la sua partita. Il russo, due gol splendidi in 47′ di Atalanta, ha voglia d’imporsi e la panchina inizia a stargli stretta. Sa di meritare una maglia da titolare ma sa anche che il suo ruolo, al momento, è occupato da Ilicic. La concorrenza, di solito, fa bene. Non in questo caso. Non ancora.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Fantacalcio, i mismatch della giornata 8 di Serie A: Insigne-Berardi vanno a nozze…