Milan, è il miglior Ibrahimovic da 4 anni. Paura per l’infortunio

Scarpa d'oro Haaland Ibra Ronaldo
Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

Ibrahimovic sta vivendo una seconda giovinezza nel Milan, Pioli gode dei migliori numeri dello svedese. Ora però starà fermo almeno 2 partite

Una partenza così lanciata Zlatan Ibrahimovic non l’aveva mai vissuta prima d’ora durante la sua carriera, né al Milan né nelle altre squadre di cui ha vestito la maglia nel corso del tempo. Piolo si sta godendo il momento migliore dello svedese, che però complice l’infortunio rimediato al San Paolo adesso dovrà stare fermo.

In questo scorcio iniziale di stagione, l’attaccante rossonero ha fatto 10 gol in 6 partite. Una media pazzesca, finora Ibrahimovic ha segnato una rete ogni 53 minuti. Roba da stropicciarsi gli occhi.

E pensare che quando tornò in Italia, alla fine del suo ciclo in Mls al Los Angeles Galaxy, qualcuno disse di lui che si trattasse di un calciatore ormai bollito. Zlatan, a modo suo, sta zittendo tutti a suon di prestazioni monstre. L’avvio da record inoltre ha trascinato il Milan al primo posto in classifica. Semmai per Pioli ora si presenterà un altro problema: chi segnerà senza lo svedese?

Fino a questo momento, Ibrahimovic ha firmato 10 delle 19 reti in campionato del Milan, oltre il 50% del fatturato della squadra di Pioli che pertanto senza di lui prese gran parte del suo peso offensivo. Il tecnico dovrà trovare le contromosse per sopperire alla sua assenze.

Secondo le previsioni più ottimistiche, dopo l’infortunio di ieri, l’attaccante rossonero dovrebbe stare fuori almeno due partite. Lo svedese salterebbe in questo caso quindi la sfida di giovedì contro il Lille e il confronto di serie A contro la Fiorentina, in cerca di riscatto dopo la sconfitta interna con il Benevento.

LEGGI ANCHE >>>
Super Ibrahimovic, il gesto e la frase che valgono più dei due gol

ibrahimovic milan

Stefano Pioli (Getty Images)

Ibrahimovic da record nel Milan: dal 2016 non segnava così tanto

Durante la sua carriera, Ibrahimovic ha disseminato quasi 250 gol tra squadre di club e nazionale svedese. Malgrado ciò un avvio così positivo non lo aveva mai registrato. In genere, infatti, si è dovuto attendere un po’ prima di vedere il volto migliore del gigante di Malmo. In questa stagione, ritardata dal Covid, invece Ibra ha mostrato subito i muscoli.

Una striscia migliore in 6 partite l’ha compiuta soltanto nel 2016 in Ligue 1 quando tra la 32esima e la 38esima giornata (ha saltato per infortunio la 33esima) ha collezionato 11 gol, uno in più rispetti a quanti fatti ora.

Dieci invece sono state le marcature realizzate in Champions nello stesso arco di partite nell’edizione 2013-2014 quando segnò consecutivamente 2 gol al Benfica, 4 all’Anderlecht e, ancora, 1 all’Anderlecht, 1 all’Olympiacos e 2 al Bayer Leverkusen fermandosi però prima e dopo questo ciclo di gare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
Un gol ogni 98 minuti, il bomber per il Milan arriva dalla Spagna

Rivali italiane: il Liverpool va anche senza Salah… ma Klopp lo punzecchia