Maradona, l’ultimo spettacolo nella sua Napoli: la festa al San Carlo

Maradona Pelè
Un murales di Maradona nei Quartieri Spagnoli (Getty Images)

Al “San Carlo”, Maradona nel 2017 ha raccontato il suo amore per il Napoli e per la città che gli ha consentito di esprimere la sua arte

Maradona è morto, Napoli piange. Ma piange tutto il mondo del calcio e non potrebbe essere altrimenti. Piange per la perdita del suo numero uno, l’emblema, l’icona mondiale, il suo maggiore rappresentante tra tutti gli artisti che su un terreno di gioco hanno mai messo piede. La data del 25 novembre 2020 segnerà inevitabilmente una cesura, tra il prima e dopo.

LEGGI ANCHE >>> Dall’Argentina: Maradona è morto. Diego ci lascia a 60 anni

Maradona Napoli
Quella di Napoli per Maradona è sempre stata una “fede” (Getty Images)

L’addio di Maradona a Napoli: uno show al “San Carlo” per raccontare il suo amore verso i partenopei

Ci sarà un A.M. e un D.M., come avvenne 2020 anni fa per Gesù Cristo. Non vuole essere certamente una blasfemia ma Maradona è stato, è e sarà sempre il Calcio. Lo piange Napoli, sicuramente, ma ogni angolo della Terra. Perché il “Pibe de Oro” ha regalato emozioni a chiunque abbia mai seguito una partita di “futbol”. Ne è stato la sua rappresentazione vivente.

Diego Armando Maradona ha trasmesso passione, emozioni e per questo la gente lo ha amato, accettandone anche il suo essere fuori dagli schemi. Il più grande Artista non poteva seguire un copione, doveva essere per forza di cose istinto. E così è stato, fino all’ultimo dei suoi giorni.

La gente però gli ha tributato il suo amore forse anche per questo. Perché ha saputo coglierne l’uomo, al di là di tutto, sopra ogni cosa. Maradona ha trasformato in spettacolo qualsiasi sua presenza, anche fuori dal campo.

Come quella volta in cui, nel 2017, è salito sul palco del teatro “San Carlo” per quello che è diventato il suo saluto ai tifosi del Napoli, la città che più di ogni altro lo ha amato ma che a volte gli si è fatta troppo stretta.

“Quando sono venuto a Napoli, Gaspar mi ha chiamato dicendomi di non andare via dal Barcellona, mi avrebbe dato 5 volte di più di quello che già guadagnavo. Ho risposto no, seguo il mio cuore. Vado a Napoli, una città che mi sta aspettando. Ai soldi preferisco correre dietro un pallone”, raccontò in quella circostanza Maradona.

Parole che sottolineano l’uomo Maradona, quello che in tanti hanno capito e apprezzato e che molti altri lontano dalla sua Napoli non hanno saputo cogliere. Uno show a tutti gli effetti in cui ha detto a tutti i napoletani quanto li ha amati

Maradona è morto, ma la sua leggenda resterà viva per sempre. Il signore del Calcio ci ha lasciati ma parleremo di lui per tanto e tanto tempo ancora.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Napoli vuole intitolare lo stadio a MaradonaAddio Maradona, la storia dell’ultimo gol con l’Argentina – VIDEO

Napoli, piace Orellano: il talento che ha fatto soffrire Maradona