Dal ‘favore’ di Conte a un dato allarmante: perché i tifosi minacciano l’Inter

inter conte
Antonio Conte (Getty Images)

Fino a questo momento deludente, l’Inter è nel mirino dei tifosi che questa mattina hanno esposto uno striscione duro nei confronti della squadra

La violenza non è mai giustificata, neppure quella verbale. Anche le parole hanno un peso e bisogna scoprirlo. Perché, questa mattina, i tifosi dell’Inter, in particolar modo la Curva Nord, ha deciso di minacciare la propria squadra del cuore? Lo striscione esposto era il seguente: “Quella maglia che tu indossi…va onorata!!! Tirate fuori i coglioni, o veniamo coi bastoni” che non sono i gemelli del difensore. Una frase forte, d’impatto, da censurare, perché mai si dovrebbe ricorrere alla violenza per consolare delusioni. Andiamo oltre, dando per scontato che questo striscione è quanto mai inopportuno: perché i tifosi ce l’hanno tanto con l’Inter?

LEGGI ANCHE >>> Inter, è il momento dell’esonero: qui di “agghiacciande” c’è solo Conte

Distanza dalla vetta e il gioco latita

L’Inter è stata costruita per vincere lo scudetto, Conte guadagna più di 10 milioni all’anno e, su una base già solida, ha avuto la fortuna di poter scegliere altre preziose pedine, dall’età anagrafica discutibile: Vidal e Kolarov, ad esempio, hanno ingaggi alti per la carta d’identità, eppure sono state specifiche richieste dell’allenatore. Nonostante tutto, la squadra è distante cinque punti dal primo posto, il gioco latita e la difesa subisce troppi gol.

I tifosi colpevolizzano Conte per non aver saputo trasmettere una chiara identità alla squadra che non sia palla a Lukaku e vediamo che succede. Ne risente anche la fase difensiva: 13 gol subiti sono troppi per una squadra da vertice, il Milan primo è fermo a 8. Se Conte è ritenuto tra i principali responsabili, anche per alcune scelte, come il caso Eriksen, i calciatori non sono esenti da critiche, d’altronde quel messaggio è rivolto (anche) a loro.

L’Inter non ha mai vinto in Champions League

Oltre alle difficoltà in campionato e a quelle universali legate ad una manovra pigra, l’Inter è stata deludente, fino a questo momento, in Champions League. Quattro partite, zero vittorie e ultimo posto nel Girone B, con la qualificazione agli ottavi assai compromessa. Le ultime due sconfitte col Real Madrid possono essere giustificate solo in parte dal valore – relativo – dell’avversario.

I pareggi con Borussia M’Gladbach e Shakhtar, per una squadra che punta alla qualificazione, hanno compromesso sin da subito il raggiungimento dell’obiettivo. Oltre i verdetti del campo, i tifosi sono delusi per l’atteggiamento di Conte. Pochi sorrisi, tante polemiche. In estate sembrava addio, alla fine è rimasto e la società, sul mercato, lo ha accontentato. Ma nessuno sta facendo un favore a nessuno.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Sassuolo-Inter, il match analyst in ESCLUSIVA: come Conte può fermare De Zerbi

Allegri vuole l’Inter. Per Conte fiducia a tempo