Inter, la rivoluzione ‘spazza via’ Conte: Eriksen il primo ‘acquisto’

calciomercato inter
Antonio Conte (Getty Images)

Christian Eriksen, ormai è evidente, è fuori dai piani di Antonio Conte: a gennaio sarà addio ma c’è un’ipotesi che lo conferma in nerazzurro

Non funzionale: Giuseppe Marotta ha definito così l’acquisto di Christian Eriksen. Non poteva fare altrimenti l’amministratore delegato dell’Inter visto che il campo parla in maniera inequivocabile. Soltanto scampoli di match concessi da Conte al danese, tenuto in panchina martedì contro lo Shakhtar anche con il centrocampo in piena emergenza e Barella in non perfette condizioni.

Non c’è mai stata sintonia tra l’ex Tottenham e l’allenatore salentino e l’unica soluzione possibile è l’addio di uno dei due: nell’Inter c’è spazio soltanto per uno tra Conte ed Eriksen ed a fare le valigie a gennaio sarà il calciatore. Per sempre?

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

eriksen inter conte
Eriksen (Getty Images)

Calciomercato Inter, Conte via senza Scudetto: Eriksen resta

La domanda sorge davanti ad un’altra ‘certezza’: senza Scudetto Antonio Conte non resterà sulla panchina dell’inter. Il rapporto sembra ormai logoro tra la società e il tecnico: già in estate si è sfiorata la rottura ed ora appare evidente che, se non fosse stato per i 12 milioni di ingaggio, l’allenatore sarebbe stato già messo alla porta.

LEGGI ANCHE >>> L’Inter vuole Milik, proposto uno scambio al Napoli

La conferma però a fine stagione andrà oltre lo stipendio: servono i risultati, altrimenti l’addio sarà scontato. Come scontato è il nome del favorito per la successione: Massimiliano Allegri. E qui torna in gioco Eriksen: vale la pena cederlo, soprattutto considerando che – al momento – nessuna società ha offerto una cifra importante e che con Allegri potrebbe tornare quello di Londra? Parliamo di un calciatore che con gli Spurs ha dimostrato di essere tra i migliori nel suo ruolo: al tecnico toscano i profili come il suo piacciono ed allora l’Inter potrebbe lasciarlo andare soltanto per sei mesi e poi restituirlo, magari tirato a lucido, al nuovo allenatore.