Napoli, la grande operazione dell’ultimo mercato non è stata Osimhen

napoli zielinski
Zielinski in gol (Getty Images)

Focus sul mercato del Napoli a pochi mesi dalla sua chiusura: l’operazione più importante, forse sottovalutata, non è stata quella per Osimhen

Goderselo tranquilli è un gran merito che il Napoli ha costruito nel tempo con pazienza e strategia. Il rinnovo di contratto di Piotr Zielinski, ufficializzato il 31 agosto 2020, è stata una grande intuizione di mercato, forse il colpo più importante dell’ultima sessione, anche più del costoso e sicuramente valido Victor Osimhen. La trattativa per il rinnovo di contratto del calciatore polacco è durata diversi mesi, con frenate e sprint. Alla fine è stata conclusa per la gioia di tutti, soprattutto del Napoli che ora, all’età di 26 anni, può goderselo sereno, sperando finalmente in una sua definitiva consacrazione.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Napoli, Zielinski è un patrimonio

Zielinski, Napoli
Zielinski, Napoli – GettyImages

La rete contro la Real Sociedad, uno splendido destro al volo imparabile per il portiere, è solo un avviso, una comunicazione: il talento c’è ed è evidente, solo che ogni tanto bisogna ricordarglielo. Anche Sarri sottolineava questo aspetto: Zielinski deve lavorare di testa, capire ogni giorno quanto sia forte e non accontentarsi mai. La speranza di Gattuso – lo ha rivelato il suo vice Riccio – è che l’ex Empoli e Udinese possa finalmente sbocciare, magari arrivando a raggiungere la doppia cifra in stagione, obiettivo minimo che Zielinski ha rivelato di poter ottenere.

LEGGI ANCHE >>> Vinicius: il bomber che segna per il Napoli senza mai giocarci

Zielinski è arrivato a Napoli nel 2016, pupillo di Sarri, che lo aveva allenato a Empoli. Nasce trequartista, diventa mezzala, ora con Gattuso sembra trovarsi a suo agio nel 4-2-3-1 col compito di agire tra le linee, ago dell’equilibrio, alle spalle della punta e comunque a supporto della mediana, coi suoi scatti palla al piede mette in difficoltà le difese avversarie (vedi gol di Insigne a Crotone) e con la sua tecnica è un elemento in più in zona offensiva. Col rinnovo in tasca fino al 2025, certi di poterselo godere senza paura di perderlo.