Torino, furia Vagnati: “L’espulsione di Singo lascia senza parole”

Giampaolo Torino-Bologna
Giampaolo (Getty Images)

Vagnati, ds granata a fine gara, sull’espulsione a Singo: “Clamorosamente penalizzati, il rosso ha cambiato la gara”

Il direttore sportivo del Torino, Davide Vagnati, interviene a Sky Sport nel post-gara: “Riguardavo prima l’espulsione di Singo. Lascia senza parole. Un rosso al 13′ così chiaro ed oggettivo che non c’è lascia senza parole. Spiegazione dall’arbitro Abisso? Che spiegazione dobbiamo avere? Nessuna, è un errore. Siamo penalizzati clamorosamente, il regolamento del Var va rivisto, non è possibile che non possa intervenire in un caso del genere”.

Il dirigente granata non riesce a trattenere l’amarezza per un episodio che abbiamo analizzato qui

E le rimostranze sono, assolutamente, corrette: un espulsione che certifica ulteriormente il momento nero degli arbitri italiani, dopo le sviste clamorose vista in Juventus-Atalanta ed Inter-Napoli. Abisso questa sera, dopo Doveri e Massa dimostra come non ci sia, dopo Orsato, una classe arbitrale all’altezza

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Singo espulso
Wilfried Singo (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

“Già siamo stati penalizzati in altre circostanze”

“Non è la prima volta – continua Vagnati – che accade in stagione, non ci lamentiamo perché abbiamo sei punti, ma perché siamo penalizzati. Mi sembra evidente che prenda la palla Singo”.

LEGGI ANCHE >>> Roma-Torino 3-1: Fonseca in zona Champions può sognare lo scudetto

“Abbiamo la squadra in ritiro, stiamo facendo – chiosa Vagnati – investimenti importanti: questi errori che determinano una partita sono pesanti. L’assistente era a 5 metri, tra l’altro. Non è ammonizione, c’è poco da analizzare. Fallo su Belotti prima del gol di Mkhitaryan? Belotti viene calciato da Mancini, altra situazione oggettiva. Sono situazioni che ci lasciano inermi, così diventa difficile conquistare punti”.

Il tecnico Giampaolo aggiunge: “Ho rispetto degli arbitri, ma quella è un’ammonizione gratuita. La partita va capita dagli arbitri”