Come stanno andando le squadre che ha allenato Sarri

sarri napoli
Maurizio Sarri (Getty Images)

Focus sulle ultime quattro squadre allenate da Sarri: come stanno andando da quando il toscano se n’è andato?

Nostalgia canaglia. Nessuno lo dirà mai, c’è il campo a tradirli. Maurizio Sarri è il grande rimpianto di (quasi) tutte le ultime squadre che ha allenato. Ripartire non è stato facile. La sua impronta è rimasta nitida al Napoli, all’Empoli, non alla Juve e al Chelsea che, comunque, senza di lui non hanno fatto registrare grossi progressi. Negli ultimi otto anni Sarri ha conquistato diversi traguardi professionali e ha inaugurato la bacheca con l’Europa League vinta col Chelsea nel 2019 e lo scudetto conquistato nel silenzio dello Stadium pochi mesi fa con la Juventus. L’apice del suo calcio, delle sue idee semplici e allo stesso tempo rivoluzionarie, lo ha vissuto nel triennio napoletano. Senza vittorie rimarrà nella storia. Come Vinicio.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

sarri calciomercato napoli gattuso
Maurizio Sarri (Getty Images)

Il Napoli tra Ancelotti e Gattuso

De Laurentiis aveva pensato ad Ancelotti per oscurare il gigante Sarri nei giorni del suo scontato addio. Un colpo di genio riuscito a metà. In quei giorni i tifosi si esaltarono per l’arrivo del Re di Coppe, ma le difficoltà lungo il cammino hanno spento subito l’ingannevole entusiasmo. Ancelotti ha provato a cancellare Sarri nel modulo e nelle proposte tattiche, la squadra lo ha seguito in parte. Era talmente ancorata al 4-3-3 e al palleggio di Sarri che ha costretto De Laurentiis a fare mea culpa.

Via Ancelotti, dentro Gattuso. Uno che adorava Sarri e che da lui ha studiato. Ma dopo un anno di Rino, una nuova impronta tattica non è ancora ben visibile. Il Napoli, passato dal 4-3-3 al 4-2-3-1, è un ibrido, vince in modo diverso ma raramente convince nel gioco e nella brillantezza dei suoi interpreti. Ha conquistato la Coppa Italia, vero, ma non ha ancora gettato le basi sul futuro. Non esiste, oggi, un progetto tecnico solido.

gattuso sarri napoli
Gattuso (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> Paris Saint-Germain, salta Allegri ! Dalla Francia: “Pochettino ad un passo”

La Juventus affidata a Pirlo dopo Sarri

Pirlo è stato scelto dalla Juventus nel ricordo del campione che è stato. I senatori erano stanchi di Sarri, delle sue idee e delle sue pretese. Volevano divertirsi come si fa al campetto. Meno schemi e più autonomia per allenare il talento. Risultato? Dopo quattordici giornate e tredici partite, la Juventus è sesta a dieci punti dal primo posto, oltre al gioco manca anche lo spunto dei singoli.

Sarri aveva provato a sviluppare i suoi principi di gioco incontrando le diffidenze degli interpreti. Pirlo li ha lasciati libero e l’eccessiva autonomia ha prodotto un passo indietro nei risultati e, soprattutto, nelle trame di gioco. Oltre a Ronaldo, la Juve non produce particolari pericoli. Dybala, Bernardeschi, Chiesa e Kulusevski si accendono a tratti. Lo scudetto è lontano. Sarri, pur senza convincere, con qualche ostruzione interna, lo aveva conquistato.

LEGGI ANCHE >>> Isco vicino alla Juventus

Higuain Chelsea Sarri
Foto: twitter SportMediaset

L’Empoli e il Chelsea

Il trampolino di Sarri, l’Empoli, viaggia tra la Serie B e la Serie A. Quando il toscano è andato via, Giampaolo ha regalato un prestigioso decimo posto alla società di Corsi. Il segreto è stato quello di ripartire dagli insegnamenti di Sarri senza stravolgere organico e cultura del lavoro. L’esatto contrario di quello che hanno fatto Napoli e Juventus. E il Chelsea? Lo scorso anno ha confermato il suo piazzamento Champions col quarto posto (Sarri era arrivato terzo) e ora, con Lampard in panchina, è quinto a sei punti dalla capolista Liverpool. Due anni dopo Sarri, non ci sono stati particolari progressi. Magari qualcuno starà rimpiangendo Sarri anche a Londra.