Il Governo mette nei guai la Serie A: decreto crescita bloccato

Zhang Governo Serie A
Steven Zhang (Getty Images)

Il giornalista Bellinazzo: “Una circolare blocca gli effetti del decreto crescita”. Top player in fuga se il Governo non aiuta la Serie A?

Questo il tweet del collega, esperto di questioni economiche legate allo sport, Marco Bellinazzo de Il Sole 24 Ore:

Nell’ambiente già si parla di un vero e sgradito regalo di Natale da parte dell’Agenzia delle Entrate ai club di Serie A. Gli effetti del Decreto Crescita, infatti, previsto per tutti i lavoratori rientranti dall’estero o arrivati al di fuori dei confini per la prima volta, non si estendono ai calciatori a causa di un mancato atto dell’esecutivo.

Il Governo, infatti, non ha emanato un Dpcm che avrebbe esteso questi benefici proprio ai calciatori.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Governo Serie A Agnelli
Andrea Agnelli, patron della Juventus (Getty Images)

CR7 salvo, altri top player scappano?

L’assenza di questa norma ha posto nelle condizioni l’Agenzia delle Entrate, dunque, di dover sostenere che gli sgravi sulle tasse del Decreto Crescita non si applicano ai calciatori. Gli effetti, però, sono da valutare: secondo una prima analisi di importanti esperti del settore, sono pesanti ma non devastanti. Ad esempio, la Juventus e Cristiano Ronaldo non dovrebbero esser toccati, anche perché beneficianti di altre norme per sgravi.

LEGGI ANCHE >>> “Dybala era a un passo dal Napoli, ci vada ora”. E chi paga?

Le perdite, però, restano consistenti e sono nell’ordine di diversi milioni per i club: Lukaku e Llorente sono, ad esempio, alcuni nomi che potrebbero far pesare i loro lauti ingaggi molto più sulle già disastrate casse dei club che li hanno ingaggiati.

Se gli effetti dovessero effettivamente riverberarsi anche sui calciatori, ipotizzare una fuga di top-player o comunque dei calciatori con gli ingaggi più alti dal nostro campionato non è così peregrino. Anzi.

Basterebbe solo un emendamento del Governo, un nuovo Dpcm: il punto ora è politico. Perché in una fase di sacrifici del paese, l’esecutivo Conte metterà mano ad un atto che consente risparmi a società e calciatori. I pressing delle lobby sono già iniziati: l’epilogo della partita è ancora da scrivere.