De Paul, dalla Premier la concorrenza può bruciare Inter e Juve

Rodrigo De Paul
Rodrigo De Paul - GettyImages

Rodrigo De Paul resta uno dei profili che sta animando il calciomercato, spuntano due soluzioni dalla Premier che potrebbero bruciare Inter e Juve.

Rodrigo De Paul è uno dei profili che sta infiammando questa sessione di calciomercato. Il giocatore argentino rappresenta uno dei pilastri dell’Udinese di Gotti, ed è lo stesso giocatore ad essere consapevole dell’importanza all’interno dello spogliatoio friulano.

Il mercato, però, apre diverse strade ed è cosi possibile che proprio il capitano bianconero possa lasciare il Friuli già questo inverno. Le soluzioni in Italia, ovviamente, non mancano anche se tutto resta fortemente rallentato. L’emergenza Covid, infatti, tiene i club sotto scacco e grandi esborsi economici sono difficili da intavolare.

Juventus ed Inter, però, sono i club che maggiormente sembrano interessati al numero 10 dell’Udinese, anche se muoversi in questa sessione di mercato potrebbe risultare molto complicato. Ecco perchè dalla Premier potrebbe arrivare qualcuno pronto a soffiare l’affare alle due squadre italiane.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

De Paul, dalla Premier possono bruciare Inter e Juve

La notizia arriva direttamente dal Regno Unito, e vede lo stesso De Paul protagonista: come riportato dal The Sun, infatti, il Liverpool ed il Leeds sarebbe due club fortemente interessati al capitano dell’Udinese.

LEGGI ANCHE >>> Inter, clamoroso Eriksen: gli agenti ricorrono al Collegio di Garanzia del Coni

L’interesse della squadra di Marcelo Bielsa è quello scattato prima, ma proprio negli ultimi giorni anche i reds avrebbero mosso i primi passi verso De Paul. Proprio il movimento della squadra di Klopp potrebbe accelerare i tempi.

De Paul gradirebbe restare in Italia ma ovviamente la soluzione Premier non dispiacerebbe, soprattutto se il richiamo arriva da un club prestigioso come i reds. Per strapparlo all’Udinese – si legge – sarà necessario un esborso di una cifra intorno ai 45 mln di euro.