Inter-Juventus 2-0: Vidal e Barella decidono la sfida, bianconeri non pervenuti

Inter, Barella festeggia con Lukaku e Bastoni
Inter Juventus Getty Images

Inter-Juventus, si conclude un Derby d’Italia tutto sommato equilibrato. Tre punti d’oro per i nerazzurri, mentre Pirlo è già bombardato dalle critiche.

Il Derby d’Italia non vale la testa della classifica, ma sì le sue zone alte. Inizio ritardato dallo spettacolo di botte e fuori artificiali, allestito all’esterno del Meazza. Ma non solo: non mancano le polemiche a causa di un bacio di Vidal sullo stemma della Juventus, cucito sulla maglia dell’ex compagno Chiellini. Proprio il cileno è l’astro del primo tempo della sfida, piuttosto equilibrata e tattica. Allo scoccare del 13′ sigla Vidal la prima rete del match e anche la sua prima con la maglia dell’Inter. Cross perfetto di Barella che trova la testa del centrocampista, che supera Danilo e batte Szczesny. La sfida prosegue con pochi brividi, poiché entrambe tengono il ritmo relativamente controllato.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Inter-Juventus, la sinfonia la suona Barella

Inter Juventus sintesi
Inter Juventus Getty Images

Era stato tra i migliori della prima frazione di gioco e si conferma tale. Barella, infatti, raddoppia il risultato al 51′. Un contropiede, approfittando di alcune mancanze difensive della Juventus, lo favoriscono. Il giocatore con due tocchi e un raddoppio arriva fino a fuori area e non sbaglia la mira. Le mezze ali fanno la differenza, con la squadra di Pirlo che non riesce a bloccare la manovra avversaria sugli esterni.

LEGGI ANCHE >>> Inter, bufera su Vidal: bacia lo stemma della Juventus

Ci prova diverse volte Lautaro, almeno tre, nella seconda frazione di gioco. L’Inter, infatti, mantiene il pallino del gioco, mentre la Juventus non è mai pericolosa. C’è qualche uno contro uno interessante, ma il mordente manca. I nerazzurri resistono senza troppi sforzi e risalgono in classifica dando fastidio proprio ai cugini del MilanPirlo, invece, ora dovrà riflettere.