Scambio Dzeko-Sanchez, il portiere che fa contenti Inter e Roma

Dzeko a contrasto in Atalanta-Roma
Dzeko (Getty Images)

Inter e Roma al lavoro per lo scambio tra Edin Dzeko e Alexis Sanchez: ostacolo economico, un portiere può far avvicinare le parti

L’idea che incendia il mercato di gennaio. Dopo ventotto giorni di calma piatta, se si eccettuano i tre acquisti del Milan, ecco irrompere lo scambio che fa esplodere il mercato di gennaio. L’idea è della Roma, protagonista è anche l’Inter ma soprattutto loro Dzeko e Sanchez. Il bosniaco, ormai ai ferri corti con Fonseca, è stato offerto ai nerazzurri in cambio del cileno.

Un’ipotesi che tecnicamente potrebbe far contenti tutti: la Roma, perché riuscirebbe a risolvere il caso Dzeko ottenendo anche un attaccante praticamente di pari livello; l’Inter perché Conte avrebbe il bomber atteso da due anni capace di giocare sia al posto che insieme a Lukaku. Affare fatto allora? Non proprio, perché entrano in ballo i soldi e la vicenda si complica.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Sanchez in Cagliari-Inter
Alexis Sanchez (Getty Images)

Scambio Dzeko-Sanchez, Radu può ridurre la differenza economica

Nello scambio Dzeko-Sanchez, infatti, entrano in gioco gli ingaggi dei due calciatori. La premessa è che dovrà essere un affare a bilancio zero per le società, soprattutto per l’Inter. Per quanto gli stipendi siano simili, il peso sul bilancio è molto diverso: i 7,5 netti di Dzeko diventano circa 13 al lordo; i 7 di Sanchez, invece, in virtù del decreto crescita, poco più di 9. Come ridurre questa differenza?

Due le strade: la Roma dà un indennizzo all’Inter, idea che non piace troppo ai giallorossi, oppure si allarga lo scambio inserendo un altro nerazzurro. Il nome giusto, a livello economico, sarebbe quello di Pinamonti (2 milioni netti d’ingaggio) ma i giallorossi si ritroverebbero a quel punto con troppi attaccanti (è fatta anche per il ritorno di El Shaarawy).

LEGGI ANCHE >>> Inter, trattativa calda per il rinnovo di Lautaro: le novità

TuttoSport fa il nome di Ionut Radu, secondo portiere nerazzurro ancora a secco di presenze quest’anno. Ieri i suoi procuratori sono stati intercettati nell’hotel della riunione Ausilio-Pinto e questo potrebbe essere un indizio. L’Inter non avrebbe problemi, promuovendo Stankovic in prima squadra, e alla Roma un portiere con le difficoltà di Pau Lopez e Mirante farebbe comodo. Il nome giusto? Si vedrà, anche perché l’ingaggio da un milioni di euro renderebbe necessario comunque qualche aggiustamento.