Conte chiede scusa, ma lancia un’altra frecciata a Agnelli

Antonio Conte dà indicazioni
Antonio Conte (Getty Images)

Antonio Conte, allenatore dell’Inter, in conferenza stampa ha chiesto scusa a viva voce per il dito medio mostrato ad Andrea Agnelli, presidente della Juventus.

Il tecnico nerazzurro, Antonio Conte, ha presentato il match di campionato contro la Lazio, in programma domenica sera all’Olimpico e nell’occasione ha chiesto scusa per l’atteggiamento mantenuto nei riguardi di Andrea Agnelli, numero uno della Juventus, al termine della semifinale di ritorno di Coppa Italia: “Prima di dare avvio alle domande, che saranno di calcio giocato perché è ciò che c’interessa, sono qui per scusarmi. A degli insulti ho reagito nella maniera sbagliata. Avrei potuto comportarmi diversamente e sarei stato più positivo. Mi dispiace, ma farò tesoro dell’accaduto per il futuro. Nessuna circostanza deve fungere da attenuante, perché avrei dovuto comportarmi in un altro modo. Adesso, comunque, pensiamo al campo. Cerchiamo di indirizzare le cose sul calcio giocato, credo che la gente voglia questo e non situazioni becere”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Scontro Agnelli-Conte, la Procura apre l’indagine

Antonio Conte e Andrea Agnelli
Andrea Agnelli e Antonio Conte (Getty Images)

Non basteranno comunque le scuse pubbliche di Antonio Conte per chiudere una questione finita sotto i riflettori di tutto il mondo. Mentre, infatti, il Giudice Sportivo non ha preso alcuna decisione sulla lite avvenuta tra i due, la FIGC si è mossa attraverso la sua Procura. Il capo dell’ufficio, Giuseppe Chinè, ha aperto un’inchiesta in merito ai comportamenti del dirigente bianconero e alcuni tesserati dell’Inter e della Juventus per quanto accaduto a fine gara sugli spalti. A parlare come persona interessata dei fatti è stato convocato il quarto uomo Daniele Chiffi, che era presente al momento degli insulti reciproci e del gesto del dito medio da parte di Antonio Conte.

LEGGI ANCHE >>> De Laurentiis e Agnelli si alleano prima di Napoli-Juventus, il motivo