Cuadrado, non ci voleva

Cuadrado si allena prima dell'incontro
Juan Cuadrado (Getty Images)

Brutte notizie per Andrea Pirlo: nel pieno dell’emergenza, l’allenatore della Juventus, per la gara contro il Porto, dovrà rinunciare anche a Cuadrado

Nel pieno dell’emergenza, la Juve perde anche Cuadrado. Una brutta notizia, per Pirlo, a due giorni dalla sfida contro il Porto, andata degli ottavi di finale di Champions League, una partita fondamentale nel percorso stagionale dei bianconeri. Il terzino colombiano si era infortunato al Maradona contro il Napoli, era rimasto negli spogliatoi all’intervallo, si è sottoposto agli esami strumentali il cui esito è stato reso noto dal club bianconero pochi minuti fa: “Gli esami cui è stato sottoposto questa mattina Juan Cuadrado presso il J|Medical hanno evidenziato una lesione di basso grado del bicipite femorale della coscia destra. Tra 10 giorni verrà nuovamente rivalutato“. In sintesi, Cuadrado sarà costretto a saltare la sfida in terra portoghese ma, di sicuro, anche la prossima di campionato, in programma lunedì 22 febbraio in casa contro il Crotone.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

cuadrado negativo
Juan Cuadrado – GettyImages

Juventus, le condizioni di Cuadrado

Per Pirlo si tratta di un’assenza pesante da parte di un calciatore che si era fermato anche prima a causa del Covid. Cuadrado è uno dei giocatori della Juve più importante perché capace di spostare gli equilibri con la sua velocità. L’allenatore dei bianconeri dovrà trovare delle valide alternative per ovviare alla sua assenza, molto probabilmente ci sarà Danilo a destra con Alex Sandro, recuperato e in campo per un tempo al Maradona, a sinistra.

LEGGI ANCHE >>> Weston McKennie, la Juventus non ti vuole più perdere

Buone notizie, parziali, sono arrivate per Dybala e Ramsey, i due grandi assenti (con Arthur) della sfida col Napoli: entrambi si sono allenati parzialmente in gruppo. Pirlo spera di poterli recuperare per la partita contro il Porto che è già crocevia della stagione in un momento storico in cui lo scudetto è distante e le assenze si moltiplicano. In attacco, d’altronde, le scelte sono obbligate con la Joya out da diverso tempo. Quando è mancato Morata, ha giocato Kulusevski. Ora lo spagnolo è tornato titolare ma manca il suo contributo così come quello di Ronaldo.