I tre titolari per i quali potrebbe essere l’ultimo derby

Pioli e Conte
Pioli e Conte (Getty Images)

Milan-Inter è una gara fondamentale per la corsa scudetto, ma potrebbe anche essere l’ultimo derby per tre titolari

L’appuntamento è alle ore 15: Milan-Inter, il derby torna a contare per lo scudetto come non accadeva da anni. Rossoneri e nerazzurri si sfidano con il primato in palio: una vittoria riconsegnerebbe il primo posto alla squadra di Pioli, mentre se a vincere dovesse essere la squadra di Conte allora si potrebbe parlare anche di fuga. Scongiuri ammessi da una e dall’altra parte, in una partita che catalizzerà l’attenzione del mondo intero. Milano torna ad essere capitale del calcio italiano dopo un decennio di pausa: la Juventus ha dominato in maniera assoluta gli ultimi 9 campionati, ma quest’anno sembra poter recitare soltanto il ruolo di terza incomoda.

Lo scudetto, al momento, è un affare tra Milan e Inter e alle 15 si vedrà chi tra le due milanesi si prenderà il ruolo di favorita. Ma il derby pomeridiano ha anche risvolti di mercato: almeno tre calciatori potrebbero giocare la loro ultima stracittadina prima dell’addio di fine anno. Nulla di deciso, ma tra situazioni contrattuali e tecniche l’addio non è ipotesi remota.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Christian Eriksen contro la Lazio
Eriksen (Getty Images)

Milan-Inter, da Eriksen a Calhanoglu: i titolari a rischio addio

Non lo è mai stata per Christian Eriksen, trequartista danese che ci ha messo un anno esatto per conquistare Conte. Il tecnico salentino lo lancerà anche quest’oggi dal primo minuto al fianco di Brozovic e Barella, sperando di essere ripagato con grandi giocate. Quelle che l’ex Tottenham in nerazzurro non ha mai mostrato con continuità, tanto che appena due mesi fa un suo addio sembrava certo. La crisi ha bloccato tutto ma in estate, con la conferma di Conte, è facile pensare che Eriksen possa essere ceduto davanti alla giusta offerta.

LEGGI ANCHE >>> Inter e Milan, il clamoroso scambio per il mercato estivo

Non servirà convincere il Milan, invece, per strappare ai rossoneri Calhanoglu e Donnarumma. Anche per loro, contratti alla mano, il derby di oggi potrebbe essere l’ultimo. Entrambi sperano di no, come lo spera Maldini, ma intanto a quattro mesi dalla scadenza di contratto ancora non si hanno novità sui rinnovi. Preoccupa soprattutto quello del portiere con una distanza importante tra richiesta e offerta. Intanto però è il giorno di Milan-Inter e magari basterà un gol o una parata per allontanare i dubbi sul futuro.