La Juventus guarda allo Scudetto, e Pirlo non si tira indietro

Andrea Pirlo in campo
Andrea Pirlo (GettyImages)

Andrea Pirlo non si tira indietro per la lotta Scudetto, e cosi lo stesso allenatore ha ammesso l’obiettivo dopo la partita contro il Crotone. 

La Juventus è uscita con i tre punti in tasca dalla sfida che ha visto i bianconeri vincenti contro il Crotone di Giovanni Stroppa. Un 3-0 importante, che ha sancito il ritorno alla vittoria dei bianconeri dopo le sconfitte patite contro il Napoli settimana scorsa ed il Porto in Champions League. Tre punti che consentono alla Vecchia Signora di rilanciarsi prepotentemente in campionato, di fatto arrivando cosi al terzo posto in classifica, con 4 lunghezze di ritardo dal Milan ed 8 dall’Inter.

Lo Scudetto, insomma, è un affare che vede impegnata anche la Juventus. Ne sono certi nell’ambiente bianconero, ne è certo l’allenatore Andrea Pirlo. La squadra bianconera, dopo un iniziale tentennamento all’inizio della stagione, ha trovato la sua quadra, andando cosi a collezionare vittorie, punti e posizioni in classifica, arrivando oggi a ridosso delle due milanesi.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Andrea Pirlo in campo
Andrea Pirlo (GettyImages)

Pirlo e lo Scudetto, la Juventus non si tira indietro

Cosi, come detto, dello Scudetto ci crede tutto l’ambiente bianconero, compreso il suo allenatore. Ed allora è stato lo stesso Andrea Pirlo che, nel post partita, ha risposto alla domanda riguardo proprio la situazione della sua squadra, al momento in piena corsa per il titolo.

“Siamo l’anti-Inter? “Dieci anni fa pensavo a giocare e a vincere da giocatore, adesso ho un altro compito. Devo sempre vincere, ma dall’altra parte. Tutte quelle dietro l’Inter sono le antagoniste, ci siamo anche noi”, l’ammissione del tecnico bianconero.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, bloccato il rinnovo di Dybala: spunta la decisione

Un aspetto che ovviamente rende l’ambiente molto carico, visto anche come lo stesso Pirlo è stato oggetto di critiche all’inizio della stagione, salvo poi cambiare i giudizi in corsa e riprendere il consenso del pubblico bianconero.