“Vogliamo comprare il Milan”: la novità inattesa sul futuro dei rossoneri

Maldini parla al telefono
Paolo Maldini, dirigente del Milan (Getty Images)

Milan, spunta una nuova pretendente per la società. C’è il comunicato ufficiale: il fondo World Lab Technologies inc. è interessato.

Il Milan potrebbe cambiare proprietà? Forse sì, forse no. Il club è finito nel mirino di un fondo di investimento che fa capo ad Alexandr Jucov, CEO di World Lab Technologies, inc.. Jucov è un importante uomo d’affari originario della Moldavia, impegnato nel finanziamento della ricerca e nello sviluppo di nuove tecnologie. Si occupa, inoltre, di energia rinnovabile, soluzioni di stoccaggio dell’energia, mobilità sostenibile e logistica.

Paolo Maldini con la mascherina
Paolo Maldini (Getty Images)

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Nuovo proprietario Milan, il comunicato ufficiale

Con una nota ufficiale, l’avvocato Felice Raimondo ha comunicato l’interessamento della World Lab Technologies all’acquisizione dell’AC Milan. Di seguito il comunicato stampa.

LEGGI ANCHE >>> Spezia e Benevento si spartiscono il bottino: 1-1 al Picco

“Comunicato: World Lab Technologies è interessato all’acquisto dell’AC Milan.

Gli studi legali gestiti dagli avvocati Felice Raimondo, Gianluca Frate ed il Dott. Mauro Gagliardi – titolare del Marriotts Legal Service – hanno ricevuto il mandato per gestire in Italia l’attività di consulenza e assistenza stragiudiziale in merito alla possibile acquisizione della società calcistica AC Milan S.p.a. da parte del fondo di investimento World Lab Technologies inc., facente capo al sig. Alexandr Jucov.

WLT è un fondo con una rilevantissima capacità economica che si occupa di investire in energie rinnovabili, infrastrutture, tecnologia e sport.

L’attività legale al di fuori dell’Italia è affidata allo studio Baker McKenzie”. Il comunicato, poi prosegue: “Maggiori dettagli verranno forniti in seguito, nella eventualità in cui il sig. Jucov raggiungerà una intesa di massima con il fondo Elliott.

Da parte degli studi legali Raimondo-Frate-Marriotts non verranno rilasciate ulteriori dichiarazioni”.