“Possibile”: l’allenatore che conferma l’arrivo di Haaland

Haaland esulta
Haaland (Getty Images)

Erling Haaland è conteso da tutta Europa ed arrivano le parole dell’allenatore che confermano il suo possibile arrivo

Erling Haaland è l’uomo del momento insieme a Kylian Mbappè. L’attaccante norvegese ieri contro il Bayern Monaco ha realizzato una doppietta che non è servita al Borussia Dortmund per portare punti a casa: il punteggio finale è stato di 4-2 per i campioni del Mondo che hanno approfittato della grande vena realizzativa di Lewandowski (autore di una tripletta) per ribaltare il risultato.

Proprio l’incrocio tra il bomber polacco e il 21enne attaccante ex Salisburgo è stata l’occasione per far incendiare le voci su un possibile trasferimento di Haaland al club bavarese. Un’eventualità che ha trovato conferma anche nelle parole del tecnico Flick che non ha fatto nulla per escludere l’approdo del giovane fenomeno del calcio europeo.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Haaland inginocchiato
Haaland (Getty Images)

Haaland al Bayern Monaco, Flick non lo esclude

Hans-Dieter Flick è l’uomo che ha portato il Bayern Monaco in cima al mondo: i bavaresi da un anno vincono tutto quello che possono ed ora vogliono trionfare anche nella caccia al bomber del futuro. Per Haaland la concorrenza è molto folta: c’è il Real Madrid che lo segue da tempo, la Juventus che poteva prenderlo a gennaio 2020 e poi le inglesi, Chelsea in testa. Ma anche il Bayern Monaco e a dirlo è lo stesso Flick dopo il successo contro il Borussia Dortmund parlando a ‘Sky Germania’: “E’ possibile – dice riferendosi proprio all’arrivo di Haaland come sostituto  di Lewandowski – nella vita nulla può essere escluso. Ma ha un lungo contratto con il Borussia Dortmund ed è una possibilità per molti top club”.

LEGGI ANCHE >>> Milan, per la porta spunta una nuova soluzione

Insomma, apertura a metà ma che certifica l’interesse del club bavarese per il gioiello norvegese. La prossima estate si parlerà molto di lui e il Bayern Monaco è pronto a portarlo nella propria squadra. “E’ possibile” conferma Flick ed è una mezza ammissione delle intenzioni della società. Ora toccherà alle altre squadre europee provare a fare quello che in campo non è riuscito: fermare la corazzata tedesca almeno sul mercato.