Campionato sospeso? La risposta di Gravina non lascia dubbi

Gravina in campo con le mani in tasca
Gabriele Gravina (GettyImages)

L’Italia è attraversata dalla terza ondata di coronavirus, ma il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, resta fiducioso per il prosieguo della stagione sportiva.

Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ha cominciato il suo tour per tutte le varie città d’Italia dopo il rinnovo della massima carica calcistica. Il numero uno della federazione ha parlato alla stampa presente, che da settimane manifesta i timori di tutti gli appassionati, ovvero che il campionato non riesca a concludersi a causa dei vari focolai e della terza ondata di coronavirus. Da menzionare, poi, anche le difficoltà nella gestione degli Europei, siccome la competizione sarà itinerante e partirà da Roma, ma ad oggi è difficile ipotizzare la presenza di pubblico nonché organizzare un evento che mette insieme più federazioni e quindi persone.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Allarme coronavirus in Italia, Gravina rassicura sul campionato

Gabriele Gravina inaugura la sala Paolo Rossi
Gabriele Gravina (FIGC) – GettyImages

Gabriele Gravina resta ottimista: “Il protocollo per i vari campionati funziona perfettamente e permette di giocare. Ogni tanto può capitare che salti qualche match su intervento dell’ASL, ma bisogna terminare il campionato. Stiamo lavorando per potare poi la Nazionale italiana a Cagliari. Speriamo che possa accadere, anche perché nel 2020 era prevista proprio qui una gara”.

LEGGI ANCHE >>> Lazio, il rinnovo di Inzaghi non arriva: bloccate le trattative

Qualche giorno fa, invece, in merito agli Europei il presidente della federazione aveva dichiarato: “Continuiamo a lavorare, chiediamo soltanto che s’intervenga in modo più deciso sui vaccini. L’auspicio è che si possa accelerare questo processo e avere maggiori garanzie di incolumità sotto il profilo del contagio. Ceferin, comunque, presidente della UEFA, continua a ribadire con fermezza che l’idea resta quella originaria, ovvero di una competizione itinerante. Il format non è cambiato e noi siamo sereni”.