Niente rinnovo: il top club si vuole prendere Insigne

Lorenzo Insigne esulta
Insigne (Getty Images)

Il capitano del Napoli ha il contratto in scadenza nel 2022: top club esteri sulle sue tracce e senza rinnovo l’addio non è una chimera

Due gol e una prestazione da applausi: Lorenzo Insigne ieri si è caricato il Napoli sulle spalle e lo ha portato al successo contro il Bologna. Tre punti fondamentali per non veder svanire le speranze Champions della squadra di Gattuso, una vittoria che dimostra ancora una volta in più l’importanza del capitano per la squadra partenopea. Il numero 24 degli azzurri ha testimoniato una volta in più la centralità che ha per la squadra: quando si spegne lui, a spegnersi è l’intero Napoli e quando il talento di Frattamaggiore brilla, è più semplice che a farlo sia anche la squadra.

Una stagione ad alti livelli quella vissuta da Insigne, al netto di qualche inevitabile passo falso, che ha portato sul capitano dei partenopei gli occhi dei top club europei. Lo scrive ‘Calciomercato.it’, secondo cui sia l’agente del calciatore che la società sono a conoscenza dell’interesse di big della Liga e della Premier League nei confronti di Insigne.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Insigne
Insigne (Getty Images)

Napoli, scadenza 2022: Insigne piace all’estero

A rendere più appetibile l’attaccante del Napoli ai top club spagnoli e inglesi anche la data di scadenza del suo contratto: giugno 2022. Senza rinnovo, quest’estate mancherà soltanto un anno alla fine del rapporto con gli azzurri e questo è un fattore che abbasserebbe inevitabilmente il suo prezzo.

LEGGI ANCHE >>> Corbo a sorpresa: “Il Napoli segue Fonseca ed un nome mai svelato”

Il calciatore al momento è concentrato soltanto sul campo e – riporta sempre ‘Calciomercato.it’ – dal suo entourage trapela massima tranquillità. Si aspetta il Napoli e il presidente De Laurentiis con la disponibilità a discutere del possibile rinnovo che legherebbe Insigne alla società praticamente fino al termine della carriera. Un’eventualità che non dispiace affatto al calciatore, molto legato alla squadra dove è cresciuto e del quale rappresenta l’uomo simbolo. Tocca al club ora fare la mossa: rinnovo o addio con i top club spagnoli e inglesi pronti a farsi avanti se si presentasse l’opportunità.